Visitare il Monte Rushmore in inverno

Il Monte Rushmore è uno dei monumenti nazionali degli Stati Uniti d’America: la sua fama ha varcato i confini nazionali anche grazie alla famosa scena dell’inseguimento nel film di Alfred Hitchcock “Intrigo internazionale”, e ad oggi è una delle attrazioni più gettonate d’America.
La montagna è situata nel South Dakota, stato dal clima tipicamente continentale, percui tanto possono essere calde le estati tanto gli inverni sono normalmente rigidi: visitare il Monte Rushmore in inverno non è ideale, ma nemmeno impossibile … per raggiungerlo è necessario arrivare in strada da uno dei tanti piccoli centri turistici del Dakota del Sud, abbandonare la strada US-16 per immettersi nella Route 244. In inverno le Black Hills della zona sono innevate (lì le temperature vanno anche oltre i 15 gradi sotto lo zero) percui per visitare la zona dovrete coprirvi adeguatamente, e una volta raggiunto il monte (visibile già in lontananza) lo spettacolo sarà impagabile: i volti dei quattro presidenti raffigurati (da sinistra a destra George Washington, Thomas Jefferson, Theodor Roosevelt e Abraham Lincoln) sembreranno scrutarvi con una profondità stupefacente: merito soprattutto della bravura dello scultore Gutzom Borglum, di origine danese, che dopo aver carpito i segreti della scultura in Europa li portò negli Stati Uniti rendendosi autore di numeorse opere di notevole interesse artistico, tra le quali Monte Rushmore è sicuramente la più mastodontica.
Ci vollero ben 14 anni per vedere scolpita tutta la statua (i lavori, iniziati nel 1927, terminarono infatti nel 1941) ma il risultato è sotto gli occhi di tutti! in inverno non è raro vedere le facce dei presidenti coperte di neve anche se, per esperienza personale, posso assicurarvi che vederle nitide e pulite è assai meglio.
La natura anche nel periodo invernale è rigogliosa intorno al monte, e non è impossibile scorgere animali anche insoliti e di grandi dimensioni, come bufali e cervi, passeggiare nei boschi che lo circondano.
Una visita al monte in inverno è, a mio avviso, svantaggiosa, poiché il clima rigido, la neve e intemperie di vario genere, renderebbero la vostra gita meno piacevole che durante il periodo primaverile o autunnale (quello estivo sinceramente lo salterei, a meno che non vogliate ammirare il panorama solo da lontano, all’ombra, perché si possono raggiungere anche i 35 gradi di massima) … in compenso i vantaggi rimangono 365 giorni l’anno, primo tra tutti la possibilità di vedere la scultura e la natura circostante, senza contare poi (cosa che molti tra noi europei ignoriamo) che monte Rushmore è soltanto una, la più famosa, delle tante montagne scolpite della zona!
Il prezzo della gita è, vista la lontananza, influenzato in buona parte dal costo del viaggio (atterrando in una metropoli come New York o Chicago e viaggiando nell’interno chiaramente scende di molto rispetto all’atterraggio nello sperduto Dakota, del resto non è una vacanza mordi e fuggi), nel complesso consiglio una giornata da dedicare lì, ci porterei anche un amico!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>