Come utilizzare il pane avanzato

Capita spesso di comprare più pane di quanto ne abbiamo bisogno, pane che nel giro di due giorni diventa secco, e dunque sgradevole da mangiare. Buttarlo è peccato: possiamo, dunque, grattugiarlo, in modo da averlo pronto per ricette in cui sarà necessario il pane grattugiato, oppure impiegarlo in altre ricette. Per esempio, gli strangola prete, un primo piatto costituito da gnocchi di spinaci e pane raffermo. Si tratta di una pietanza veloce da preparare, poco calorica, e come si può intuire dagli ingredienti poco costosa. Iniziamo pulendo e lessando mezzo chilo di spinaci. Una volta lessati, li strizziamo così da fargli perdere tutta l’acqua e li tritiamo piuttosto finemente. Nel frattempo prendiamo trecento grammi di pane vecchio: lo facciamo a pezzettini e lo mettiamo nel latte tiepido per farlo ammorbidire. La quantità di latte varia a seconda del tipo di pane. Strizziamo il pane e lo mescoliamo in un recipiente agli spinaci. Al composto aggiungiamo tre cucchiai di farina, due uova sbattute, sale e pepe e tre cucchiai di pane grattugiato. Lavoriamo con le mani l’impasto, ed eventualmente aggiungiamo altro pane grattato se esso dovesse risultare troppo morbido o appiccicoso. Su una spianatoia versiamo un po’ di farina, e realizziamo dei tubicini con l’impasto, che poi saranno a loro volta tagliati per andare a formare gli gnocchetti. Gli gnocchi devono essere lessati in acqua bollenti e conditi con parmigiano, burro e salvia. Un’altra ricetta molto gustosa da realizzare con il pane raffermo è la classica torta di pane, chiamata anche pappina o torta paesana nel Nord Italia. Prendiamo mezzo chilo di pane raffermo, che metteremo in un litro di latte per farlo ammorbidire. Dopo qualche minuto, lo togliamo e lo strizziamo: aggiungiamo al pane venti grammi di cacao, due uova, 150 grammi di zucchero, 40 grammi di pinoli. Eventualmente, possiamo unire anche un goccio di liquore, dipende dai nostri gusti. L’impasto ottenuto va versato in una teglia foderata di carta da forno: inforniamo per quaranta minuti a duecento gradi, e la torta è pronta. Può essere gustata sia fredda che calda. Altre idee per riutilizzare il pane vecchio: possiamo tagliarlo a fette abbastanza sottili: tra una fetta e l’altra uniamo del formaggio (per esempio il provolone) e realizziamo delle specie di tramezzini. Prepariamo tre ciotole, con acqua in una, uova sbattute e un pizzico di sale in un’altra e farina nell’ultima. Mettiamo ogni tramezzino prima nell’acqua per ammorbidirlo, poi nella farina e infine nell’uovo sbattuto. A questo punto, mettiamo a friggere in olio bollente, quindi tiriamo fuori e asciughiamo con la carta assorbente. Abbiamo creato degli ottimi snack, gustosi sia come merenda che come antipasto. Ovviamente, al posto del formaggio possiamo inserire qualsiasi ingrediente di nostro gradimento. Un’ultimo consiglio per riutilizzare il pane è quello classico di creare delle bruschette, con pomodorini e olio di oliva su pane raffermo a fette abbrustolito nel forno.

pane

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>