Come utilizzare i cuscini

Quali sono i vantaggi di usare i cuscini? Le 26 vertebre che compongono la nostra colonna sono tenute insieme tra loro dai dischi intervertebrali, che sono delle strutture elastiche per i quali durante il sonno è fondamentale mantenere una posizione allungata. Se misuriamo la nostra altezza prima di andare a dormire e la mattina subito dopo esserci alzati, noteremo che può anche esserci una differenza di due centimetri. Ciò è dovuto alla pressione esercitata sulla colonna nel corso della giornata, e ciò evidenzia la necessità di tenere una postura allungata a letto, per far sì che i dischi ritrovino elasticità. Il cuscino interviene proprio in questo senso. Esso non deve essere né troppo duro né troppo molle, deve adeguarsi alla pressione della nostra testa ma allo stesso tempo opporre una certa resistenza, in modo da non farla affondare. Il cuscino, inoltre, deve sostenere il capo in maniera tale che la colonna vertebrale mantenga una posizione diritta quando siamo di lato, così da non perdere la curvatura che la caratterizza naturalmente. Un cuscino troppo alto finirà per irrigidire i muscoli del collo, e in tal modo al mattino ci sveglieremo meno riposati e rilassati di quando eravamo andati a letto: un ottimo cuscino favorisce un umore sereno. Quante volte, dopo aver dormito male, ci svegliamo arrabbiati, di cattivo umore, nervosi e facilmente irritabili? Inoltre, il cuscino deve essere secco e caldo, deve assorbire la traspirazione e non deve farci sudare. Ma i cuscini non devono essere utilizzati solo per appoggiare la testa. Per esempio, se siamo abituati a dormire di lato, ne dovremo tenere uno o due tra le ginocchia, allo scopo di scaricare l’articolazione delle anche. Ciò consentirà di impedire la rotazione del bacino, e una torsione innaturale della colonna vertebrale. Quali cuscini usare? Quelli in lattice sono in grado di adattarsi perfettamente alla forma del corpo, e rappresentano allo stesso tempo un ottimo appoggio per la nuca e per la testa. Se dormiamo in posizione fetale, insomma, il cuscino è fondamentale per evitare traumi alla schiena. Il cuscino dovrebbe essere abbandonato quando si dorme a pancia in giù, ma su questo tema non ci dilunghiamo, poiché in realtà dormire a pancia in giù è sconsigliato in generale. Riassumendo, i benefici che possiamo trarre dall’utilizzo del cuscino non sono di poco conto: usare il cuscino non dovrebbe essere un’opzione facoltativa, ma una scelta obbligata, per favorire la salute della colonna vertebrale e della cervicale. D’altra parte, possiamo sperimentarlo noi stessi: se dormiamo senza cuscino, la mattina ci risvegliamo, nel migliore dei casi, con un fastidiosissimo mal di collo. Se tutti usano i cuscini, un motivo ci sarà, ed il motivo è appunto quello di sostenere il collo. Attenzione solo al tipo di cuscino: se è alto dovrà essere morbido, se è basso leggermente più duro. L’importante, in sintesi, è regolarlo alla giusta altezza, in modo da tenere la colonna vertebrale allineata e non compromettere la sua salute.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>