Come utilizzare, 360 Internet Security, il miglior antivirus free cinese

Il panorama degli antivirus gratuiti copre tutte le esigenze: vi sono soluzioni snelle come Avira e molto complete come Avast. Nel novero di queste ultime, da qualche tempo, riscuote ottimi punteggi un antivirus poco noto di realizzazione cinese, “360 Internet Security“.

 

Istruzioni

  1. Rechiamoci sul sito della casa madre e procediamo a scaricarne la versione per Windows (http://bit.ly/1pwRCC5). Una volta installato il software, troveremo un’interfaccia molto gradevole e semplice che ci presenterà 3 modalità di scansione.

  2. Quella veloce (“quick”) analizza le applicazioni, le impostazioni di sistema, la memoria, i programmi in avvio automatico e le key positions (registro, file temporanei etc). L’analisi completa (“full”) analizza tutti i file e non solo quelli contenuti nelle directory principali. La versione personalizzabile (“customizable”) consente di scegliere cosa scansionare sia come directory/periferiche che come tipologia di file (Office docs…).

  3. Gli esiti delle scansioni vengono mostrati in basso nella scheda “Quarantined” ed è possibile scegliere cosa fare dei file isolati. Eliminarli, ignorarli, ripristinarli o inviarli al cloud.

  4. Si, il cloud. Questo perché una delle grandi novità di “360 Internet Security”, oltre alla velocità di scansione”, consiste nell’utilizzare ben 3 motori di scansione in contemporanea (GData si ferma a 2): possiamo usare il motore di BitDefender, quello Cloud interno che riconosce le infezioni man mano che queste ultime vengono rilevate, e – infine – il “QVM II Engine”.

  5. Nel presente antivirus non mancano altre feature interessanti: il “Cleaner” cancella i file temporanei, la cronologia dei browser e di Office, mentre la “Sandbox” crea un’area isolata nella quale poter eseguire dei programmi da testare o aprire dei file potenzialmente pericolosi.

  6. Altre chicche le troviamo nelle opzioni avanzate di “360I.S”: la “Computer protection” ha una protezione in real time ed una pro-attiva che si occupa di infezioni non ancora segnalate, la “Internet protection” segnala quali siti siano sicuri o meno e se stiamo scaricando un file non infetto. Completa il quadro la “Privacy protection” che impedisce il controllo da remoto della nostra webcam.

index3

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>