Come usare Trhyphyllum Arum in omeopatia

L’Omeopatia è un metodo terapeutico fondato sulla memoria dell’acqua e sulla teoria secondo la quale la sostanza adatta per curare un malato è proprio quella che induce la malattia.
Sono tantissimi i rimedi omeopatici e L’Arum Triphyllum è molto noto per via delle sua proprietà.
Si tratta di una pianta erbacea con radice tuberosa dalla quale viene estratta la tintura per realizzare il farmaco omeopatico.
L’Arum Triphyllum viene usato per curare diverse patologie di diverse entità.
È molto utilizzato per l’afonia, nel caso in cui si abbassi la voce o si soffra di raucedine dopo aver sforzato le corde vocali cantando o gridando troppo a lungo.
È indicato anche per tutte quelle patologie che interessano le vie respiratorie e le mucose e serve a curare anche febbre alta, faringite, laringite, bruciore di gola, raffreddore, rinite in forme più o meno gravi.
È principalmente utilizzato per curare forme di irritazione molto fastidiose in concomitanza ad un raffreddore, in tutti quei casi in cui il paziente si ritrova con le narici o la parte sottostante arrossate per via del muco e del continuo soffiare il naso.
L’Arum Triphyllum è facilmente reperibile in gocce o in piccole pastiglie da sciogliere sotto la lingua ed il prezzo va dai 4,90€ ai 12,00€ circa in base al formato ed alla potenza.
Nutro il dubbio che possa soppiantare del tutto i rimedi farmaceutici di sintesi e credo quindi che vada utilizzato, come gli altri rimedi omeopatici, contemporaneamente alle cure tradizionali.
Mi è capitato di usarlo, in pastiglie, in un’occasione a causa di una fastidiosa raucedine ed in effetti ho riscontrato dei netti miglioramenti ma avendolo assunto come coadiuvante in concomitanza ad altri farmaci non posso affermare con sicurezza che sia stato il principale aiuto per la guarigione.
I vantaggi nell’usare questo rimedio, come tutti gli altri rimedi omeopatici, risiede nella preparazione completamente naturale e quindi meno dannosa per il nostro organismo rispetto ai normali farmaci. Inoltre la sua formula naturale lo rende adatto ad essere utilizzato anche da donne in dolce attesa e da bambini piccoli, senza alcun effetto collaterale. Altro punto a favore è il prezzo, veramente irrisorio rispetto alla maggior parte dei farmaci da banco o antibiotici.
L’unico svantaggio può essere costituito dalla mancanza di reali riscontri scientifici sulla validità di tali rimedi, i cui benefici spesso sono associati dagli scettici ad un mero effetto placebo più che ad un reale efficacia del prodotto.
Ma se un semplice effetto placebo può servire ad alleviare determinati disturbi senza dover ricorrere a farmaci più aggressivi, ben venga.
In sostanza mi sento di consigliare questo rimedio a tutti coloro che soffrano di questo genere di disturbi e sentano la necessità di usare qualcosa di naturale a patto che non soppiantino del tutto la medicina tradizionale e che si rivolgano anche al proprio medico di fiducia.

usare-trhyphyllum-arum-omeopatia

2 comments

Leave Comment
  1. clara

    Io sto usando Arum Triphyllum per problemi di afonia, e già dopo un paio di giorni sono decisamente migliorata. Tengo a precisare che non assumo altri farmaci, e non ho preso il cortisone che mi è stato prescritto dal mio medico curante. Provare per credere!!!!!!!

  2. Pasquale

    E da circa 50 anni che pratico lomeopatia e mi curo , però ancora non vedo che si ufficializza come altri paesi perché e l’ostato Italiano garentisce la medicina ufficiale e non lomeopatia spero che mi avete capito quello che voglio dire cordiali saluti Pasquale

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>