Tradizioni di Natale in Messico

Le vacanze di Natale in Messico coincidono con le giornate più calde dell’estate Messicana. Le tradizioni sono molto simili ad altri paesi del mondo, per esempio vengono costruiti presepi e si decorano gli alberi, però la presenza di pini ed abeti è scarsa, quindi vengono usate piccole palme da giardino o alberi finti di plastica. Il 16 dicembre si inizia ad addobbare la casa con piante verdi, lanterne di carta pesta colorata e muschio, utile anche per profumare la casa.
Durante la settimana di Natale si possono vedere le processioni dette “Posades” (in italiano vuol dire locanda, un vecchio locale dove si fermavano i viaggiatori per mangiare e dormire) nelle vie cittadine, i Messicani sfilano per ricordare i momenti precedenti la nascità di Gesù, mentre Maria e Giuseppe cercavano un posto dove potersi accampare. Durante queste processioni i bambini bussano alle porte delle case e chiedono un riparo per la notte per Maria e Giuseppe.
il ricordo di questo evento viene interpretato come un classico baccanale in puro stile antico Impero Romano; anche se alcuni fanno risalire la festa a tempi precedenti alla dominazione spagnola, cioè al culto del dio azteco della guerra e del sole Huitzilopochtli, figlio di Madre Terra ( Coatlicue) il quale nel lanciare la testa di sua sorella Coyolxauhqui verso il cielo creò la Luna. questa celebrazione fu successivamente convertita e tramandata in una manifestazione cattolica dai frati Agostini.
Una tradizione del pranzo di Natale è quella di costruire una “pentolaccia”, molto colorata e fantasiosa, vengono rappresentati forme incredibili e fantasiose di animali; poi bisogna riempirla di frutta, giochi, dolci, caramelle e appenderla in alto, ad un ramo o ad un palo e la si fa dondolare; poi si bendano i bambini o i più piccoli di casa, si cerca con un bastone di romperla e in seguito si consumano tutte le leccornie cadute e sparpagliate per terra.
Questa tradizione vuol augurare a tutti un felice prossimo anno che sta per arrivare e che, si spera, porterà belle sorprese a tutti.
Durante le vacanze di Natale avvengono anche le rimpatriate dei messicani che vivono negli Stati Uniti e tornano a trovare parenti ed amici con le tasche piene di dollari; Parlano lo spanglish, un orribile miscuglio di messicano e americano e, siccome vogliono sfoggiare il loro “sogno americano”, organizzano gigantesche feste con poca classe e savoir faire.
Comunque i messicani, per indole, tendono un pò a vivere alla giornata senza farsi tanti problemi morali. Il Natale quindi viene celebrato con la massima allegria in un miscuglio di feste cattolico- pagane; quelli che lavorano come dipendenti ricevono la tredicesima insieme ad un fondo che viene accumulato dall’azienda durante tutto l’anno, quindi fa si che si sentano ricchi e, nella maggior parte dei casi, spendono tutto per poi arrivare a gennaio senza soldi.
é proprio il loro motto di vivere alla giornata: mi diverto oggi e poi domani penserò a cosa fare!
Feliz Navidad!!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>