Come togliere l’odore di cipolla dalle mani

L’odore di cipolla sulle mani è uno di quegli odori che mi fanno odiare la cucina. Trovo che resti addosso molto a lungo e per evitare ciò non resta che mettere in pratica qualche “rimedio della nonna”, quelli che con estrema semplicità danno sempre dei buoni risultati.
Il primo che mi viene in mente è l’uso di limone. E’ il rimedio per antonomasia, quello usato anche da alcune mie amiche che lavorano in cucina in ristoranti che propongono menu di pesce e che, di conseguenza, hanno spesso a che fare con la necessità di togliersi l’odore di pesce oltre che di cipolla di dosso. Eh si, perché strofinare mezzo limone sulle mani dopo averle normalmente lavate premette di non sentire più i cattivi odori. A volte, però, quando si hanno mani screpolate per via dell’eccessivo uso di detersivi o per l’aggressione da parte di agenti atmosferici, strofinare del limone sulle mani può risultare alquanto doloroso. Ecco, allora, che suggerisco di passare ad un rimedio alternativo: l’uso dei fondi di caffè. Le mani vanno strofinate con i fondi del caffè e poi lavate regolarmente. L’odore di cipolla, così come quello altrettanto fastidioso si pesce, se ne va.
Altro metodo alternativo è l’uso del dentifricio. Più costoso dei fondi di caffè (che praticamente non hanno un costo visto che si tratta di materiale di scarto) ed anche di un limone (che si compra anche con cinquanta centesimi e se ne usa una metà): non è una spesa esagerata ma il dentifricio costerà in media attorno ai due euro per cui è un metodo più costoso degli altri due. E allo stesso modo efficace. Lo posso confermare.
Per chi non volesse rimedi naturali di questo tipo, si trovano in vendita delle spugnette ai sali d’argento che passate sulle mani eliminano gli odori. Non so quanto possa costare perché non l’ho mai comprata. Un rimedio che sfrutta lo stesso principio è quello di passare le mani su una superficie di alluminio (ad esempio se si ha il lavello in alluminio si può provare lì): c’è chi consiglia di passarle sulla lama di un coltello, ovviamente usata in orizzontale e non sulla parte affilata!
Altro suggerimento della nonna è quello di lavare le mani con un’emulsione di acqua ed aceto ma ammetto che è l’ultima cosa che prendo in considerazione perché va a finire che poi mi porto dietro l’odore dell’aceto anziché quello della cipolla.
Mia madre spesso lava le mani con il detersivo per i piatti ma anche in questo caso il metodo è un po’ più costoso di tutti gli altri visto che, anche se non in eccessiva quantità, si consuma il detersivo, che ha un costo. Sempre restando in tema di detersivo c’è chi usa una manciata di detersivo in polvere per la lavatrice o per il lavaggio a mano.
In commercio si trovano anche delle boccettine di gel antibatterico che hanno la caratteristica di combattere gli odori fastidiosi come quello della cipolla ma credo che sia il metodo più costoso visto che di solito boccettine di questo tipo si trovano più o meno a quattro euro.
Ho anche sentito dire che si potrebbero strofinare le mani con del prezzemolo fresco tritato ma onestamente si tratta di un rimedio che non ho mai sperimentato per cui non so dire se è efficace.

odore di cipolla

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>