Come tamponare le invasioni pubblicitarie sui dispositivi mobili (no root)

Molte delle applicazioni che scarichiamo sono gratuite, ma si autofinanziano tramite l’esposizione di banner. Nulla di male se non fosse che l’esposizione di banner consuma il nostro traffico dati ed espone a diversi rischi la nostra privacy.
In questa guida vedremo come proteggere i device mobili dalle “invasioni pubblicitarie” senza bisogno di root

 

Istruzioni

  1. Una prima applicazione da utilizzare è "TrustGo Ad Detector".

  2. Avviamo l'app e lanciamo la scansione proposta: ci verranno elencati i tool che raccolgono informazioni sull'identità (Android ID) o sulla posizione geografica, quelli che modificano il browser o aggiungono preferiti, quelli che mandano sms o mail e persino quelli che fanno partire telefonate.

  3. Per tutte queste applicazioni viene proposto, come rimedio, la disinstallazione.

  4. Altra app utile in senso anti-pubbllicitario è "AppBrain Ad Detector": al primo avvio clicchiamo su "Show concerns" e visualizziamo quante app possono accedere ai contatti, ai nostri account, ai messaggi, quali - invece - possono comportare aggravi economici e condividere la nostra posizione: di ciascuna di queste app "minacciose" viene visualizzata una scheda tecnica dettagliata e proposta la classica disinstallazione.

android-block-ads-witout-apps

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>