Come sostituire e smaltire una cartuccia Toner esaurita

Il toner lo possiamo trovare in diversi dispositivi, quali : stampanti, fax, fotocopiatori.
Il toner è una polvere finissima composta da diverse sostanze, tra le quali, polvere di carbone e ossido di ferro. Nelle stampanti laser, ad esempio, il toner lo si trova in delle cartucce. Queste cartucce sono composte da un “serbatoio” dove è custodito il toner e un tamburo. Quando mandiamo in stampa una pagina,una piccola quantità di toner viene rilasciato, il tamburo provvederà a depositarlo sulla pagine e infine un elemento che produce calore farà fondere il toner cosicché resti impresso sul foglio.

Ma quando terminiamo una cartuccia cosa fare?
Ci sono due strade percorribili:
– la completa sostituzione della cartuccia (più costosa)
– la rigenerazione o la ricarica della cartuccia esaurita (meno costosa)

A parte la differenza di prezzo abissale tra le due opzioni, entrambe racchiudono aspetti positivi o negativi.

SOSTITUZIONE TONER
Chi sceglie di comprare una cartuccia completamente nuova ha certamente le sue ragioni, quali? Innanzitutto non vuole correre rischi. Abbiamo detto prima che la cartuccia è formata dal toner ma anche da altri componenti “meccanici” come ad esempio il tamburo. Così sostituendo tutto quanto si ha la sicurezza di avere una macchina efficiente e senza rischio di successive rotture.
Ma resta un problema: se ogni volta che esaurisco una cartuccia ne compro una nuova, faccio più rifiuti? La risposta è logicamente si ! E come e dove smaltirli? Il toner infatti, rappresenta un rifiuto speciale non pericoloso. Va quindi trattato diversamente dagli altri rifiuti, perchè va portato in apposite aree di discarica. Le più recenti normative ci impongono di gettare le cartucce esaurite negli “ECOBOX” . Questi verranno raccolti e smaltiti separatamente dagli altri rifiuti.

RIGENERAZIONE TONER
Solo il 10 % di toner e cartucce esaurite viene rigenerato. Una percentuale troppo bassa, eppure ci sono aziende specializzate nella rigenerazione; come mai ci fidiamo così poco?
Purtroppo un motivo c’è, gran parte di queste aziende che ricaricano le cartucce esaurite infatti si occupano spesso di “riempire” il serbatoio di toner (di dubbia qualità ) tralasciando tutto il resto ( come tamburo e drum ). E ricarica dopo ricarica, si dovrebbe stare attenti anche alle parti meccaniche e elettriche della cartuccia. Una rottura di un componente infatti, costituirebbe un danno enorme per la stampante. Quindi la rigenerazione, se è molto allettante all’acquisto, da un punto di vista economico, rappresenta un rischio reale ben più grosso!

Ovviamente non mi sbilancio a consigliare una strada piuttosto che un’altra anche perchè la soluzione più corretta per me è un’altra e sta nel mezzo: rigenerare le cartucce si, ma facendo un’attenta analisi e sostituendo eventualmente le parti usurate. Solo così pagheremo il giusto prezzo per una cartuccia o un toner e soprattutto, meno rifiuti per l’ambiente.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>