Come sostituire la pompa dell’acqua alla Fiat Punto

Per cambiare la pompa dell’acqua fortunatamente non occorrono eccessive competenze, o grandi doti meccaniche, ed inizio con l’escludere il fatto che occorra un ponte per poter lavorare. Prima di tutto aprite il cofano anteriore, anche se se aspettavate che ve lo dicessi io allora questa guida potrebbe risultare inutile. Rimuoviamo la scatola di plastica che copre il filtro dell’aria, cosa anche alquanto semplice, dato che basta svitare soltanto due viti. Bisogna poi svitare anche le viti, dovrebbero essere 4 o 5, del carter che protegge la cinghia della macchina, e in questo caso dovrete usare una chiave a bussola da 10. Per continuare il lavoro, e soprattutto per continuarlo in modo da non farvi male, occorre bloccare il volano dentato, che trovate in alto. Conviene, per fermarlo per bene, usare un morsetto. E’ importante che non riesca a girare assolutamente, dunque non parlo di pochi millimetri alla volta, ma di un immobilismo assoluto. Allentiamo a questo punto il cuscinetto che tende la cinghia, utilizzando anche stavolta una chiave a bussola, ma da 13 stavolta. In questo modo la cinghia, anch’essa dentata, essendo ormai allentata, può essere alquanto facilmente fatta uscire dai binari della ruotina della pompa. Sulla pompa troviamo 4 viti, svitiamole, con una chiave a bussola da 10, e facciamo leva con qualche arnese, un martello o un cacciavite, così che la pompa venga via dal blocco motore. La pompa è incollata con del mastice, quindi di certo non verrà via al primo colpo, tentate più volte ma fate attenzione a non metterci troppa forza, potreste danneggiare qualcosa in giro per il motore. Occorre poi pulire per bene il blocco motore, e per farlo va bene del semplice acetone, anche se potrebbe restare appiccicato del silicone sulla superficie, e in tal caso potrete aiutarvi con un po’ di carta abrasiva. Come prima vale la regola del non usare troppa forza. Dopo aver asciugato il tutto prendiamo la pompa nuova e cospargiamone il perimetro con un bel po’ di mastice. Aspettiamo così circa un quarto d’ora e siamo pronti per posizionarla al suo posto. Avvitiamo di nuovo le 4 o 5 viti che avevamo tolto, facendo attenzione a stringerle bene. Montiamo di nuovo anche la cinghia ed il cuscinetto, con molta calma e facendo attenzione. Montiamo anche il carter al suo posto ed il filtro dell’aria relativo. Finalmente l’ultimo passo, così riempiamo il serbatoio con del liquido antigelo, permettendo così lo spurgo sia dal radiatore che dai manicotti che riportano all’altro radiatore, quello più piccolo del riscaldamento. Il lavoro, come avevo detto, non è dei più complessi da mettere in pratica, ma ad ogni modo occorre prestare attenzione. In particolare controllare che la cinghia di distribuzione sia ben tesa, così come l’avete trovata quando iniziato, e che lo spurgo finale dell’impianto di raffreddamento avvenga correttamente. I lavori fai da te possono essere economici ed utili ad accumulare esperienza in determinati campi prima magari sconosciuti. A volte però chiedere aiuto può servire.

fiat punto

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>