Come si curano i bonsai

Con il termine giapponese “bonsai” si indica l’arte e la tecnica di coltivare miniature di alberi in piccoli vasi, come ornamento decorativo per il proprio giardino o come decoro in casa. Nel pieno rispetto della natura questi alberi devono riprodurre miniature di alberi a grandezza naturale, per questo necessitano di maggiori cure ed attenzioni. Esistono veri e propri maestri sia in Cina sia in Giappone, che perseguono precisi canoni estetici per la creazione di questi piccoli alberi. E’ sbagliato pensare, in modo semplicistico, che si tratti solo di alterazioni prodotte dall’uomo, i bonsai hanno un proprio ciclo di vita in continuo mutamento, l’uomo non fa altro che lavorare su ciò che la natura offre. I bonsai possono nascere da semina, o da piante pre-esistenti, nate con lo scopo di diventare bonsai, i cosiddetti pre-bonsai. Altri metodi sono la talea e la margotta, attraverso i quali si lavora sui tronchi ancora giovani. Le forme, così come i tipi di alberi da cui si ricavano bonsai, sono diversi, molto dipende dal tronco e dalla disposizione delle foglie. Quando si decide di acquistare un bonsai bisogna considerare tre aspetti molto importanti: la luce, l’annaffiatura e la potatura.
Peronalmente consiglio di tenere il bonsai in un luogo luminoso, preferibilmente vicino ad una finestra, mai a contatto diretto con il sole. A differenza di molte piante tollerano molto bene anche la luce artificiale.
Essendo una pianta contenuta in un piccolo contenitore il bonsai necessita di annaffiature regolari. Per curare un bonsai al meglio il terriccio deve mantenere un grado di umidità costante. L’unica accortezza da tenere nei mesi invernali è quella di usare acqua a temperatura ambiente e non eccessivamente fredda. E’ preferibile utilizzare il metodo a pioggia, utilizzando appositi spruzzini direttamente sul terriccio, nel caso di piante che necessitano di grande quantità di acqua è meglio il metodo ad immersione. Basta, infatti, immergere per qualche minuto il vaso in una bacinella di acqua e dopo riporlo tranquillamente nel suo portavasi. Un altro aspetto molto importante per la salute e la bellezza della pianta è la potatura del fogliame. Le foglie e i rami vanno potati, in modo da avere una forma densa e allo stesso tempo equilibrata. In alcuni casi quando la pianta è cresciuta si può effettuare anche un travaso in un contenitore più grande. Esistono bonsai di tutti i prezzi, quelli da esterno, che sono anche più resistenti, partono da circa 15-20 euro. Esistono anche bonsai molto rari e costosi, il cui prezzo supera le diverse centinaia di euro. L’unico svantaggio è quello di avere poco pollice verde e di non curare in modo adeguato la pianta. Basta però fare delle ricerche e farsi consigliare su come curare la pianta per superare qualsiasi ostacolo. Per tenere la pianta sana e ottima forma si possono utilizzare anche specifici concimi. I vantaggi nell’avere un bonsai sono molti, ottima idea regalo, decorano la casa e rendono molto gradevoli gli ambienti della casa. Alcune piante in diversi periodi dell’anno generano anche frutti e germogli.

si-curano-bonsai

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>