Come si cura la pseudofollicolite

La pseudofollicolite, o follicolite, è un’infiammazione del follicolo pilifero dovuta ad un patogeno che provoca un’irritazione cutanea. Riguarda in genere le zone ricoperte da peluria o il cuoio capelluto e colpisce soprattutto gli uomini; le cause della sua manifestazione sono molteplici:

- cambiamenti ormonali dovuti all’ età
– riduzione eccessiva delle difese immunitarie
– abuso e uso prolungato di farmaci
– rasatura e depilazione frequente
– sfregamento delle piaghe cutanee.

E’ facile riconoscere questo disturbo in quanto, nella pelle, iniziano a comparire degli aloni rossi con al centro un foruncolo di colore bianco- giallastro, accompagnato spesso da bruciore e prurito.
E’ meglio non grattarsi per evitare di peggiorare la situazione in quanto, sotto le nostre unghie, sono presenti dei germi che possono provocare un infezione ancora maggiore.
Prevenire, la follicolite, è possibile curando la propria igiene personale ed evitando continui sfregamenti cutanei, in questo modo si riduce l’ esposizione a batteri e germi, causa principale dell’ infezione.
Per curarla, innanzitutto bisognerebbe sospendere momentaneamente ogni tipo di depilazione, se è una manifestazione lieve occorre trattare la zona colpita con un detergente antisettico e con farmaci topici a base di antibiotici, al contrario se la manifestazione dovesse essere più grave è consigliabile rivolgersi al proprio medico di fiducia che, all’ occorrenza, consiglierà una visita dermatologica.

La depilazione è la causa maggiore dell’ infiammazione quindi, è bene disinfettare attentamente la pelle prima e dopo il trattamento ed eseguire uno scrub con una crema ai microgranuli in grado di rimuovere lo strato più esterno dell’ epidermide evitando così la crescita di peli incarniti; dopodiché passare uno strato di crema emolliente che restituisca il film idro- lipidico mantenendo l’ elasticità e la morbidezza della pelle.
Per la cura della follicolite è ottima la crema d’ acqua composta appunto da acqua distillata, glicerina, talco veneto e ossido di zinco che si presenta come una pasta bianchissima liscia e omogenea non granulosa, è molto idratante e tende ad asciugare la pelle, è lenitiva e cicatrizzante, non maschera la lesione ma al contrario la placa. Durante l’ estate questo disturbo si attenua, ciò può essere dovuto all’ azione del sole e dell’ acqua salata del mare che pare abbia un effetto astringente diminuendo la secrezione e attenuando il problema dei peli incarniti.

pseudofollicolite 1

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>