Come si congela la frutta fresca

Troppa frutta in frigo ed il rischio di vederla andare a male? Oppure vacanze alle porte e la necessità di far fuori interi caschi di banane o mele in quantità industriale? Non preoccupatevi, congelare la frutta è un’operazione più semplice di quanto non si creda. Ecco come fare.

Congelazione: facile e vantaggiosa

Sia la conservazione a bassa temperatura che la congelazione, mantengono infatti, il sapore e le caratteristiche nutritive dei cibi freschi e cotti. I vantaggi della congelazione consistono nel poter acquistare grandi quantità di prodotti in una sola volta risparmiando tempo e denaro.

La frutta da congelare deve essere di ottima qualità, fresca e stagionale. Un altro aspetto importante riguarda la quantità, difatti la perfetta conservazione risulta migliore nei cibi congelati rapidamente in tutto il loro spessore. E’ consigliabile quindi congelare quantitativi singoli sufficenti per un solo pasto.
Per confezionare la frutta da congelare occorre usare imballi assolutamente impermeabili, sacchetti di cellophane, fogli di alluminio o polietilene, contenitori rigidi di alluminio, barattoli di vetro o plastica con coperchio.
Poichè la congelazione aumenta il volume della frutta, è indispensabile non riempire sino all’orlo i barattoli. La tenuta stagna dell’imballo è la regola fondamentale per una buona conservazione.
Apporre su ogni confezione una etichetta riportante il tipo di frutta e la data di congelazione. Ciò è indispensabile affinchè la frutta venga consumata rispettando le date di congelazione.

Congelare la frutta

Tutte le varietà di frutta possono essere congelate purchè siano assolutamente fresche, mature e sane, potendo essere conservate sino a 10 mesi.
Il metodo di congelazione è in stretta relazione con quello della preparazione e della confezione.

Primo metodo di congelazione: al naturale

E’ quella che si effettua al naturale, per esempio con le banane, le pesche. Nel caso delle banane bisogna sbucciare e affettare, le pesche vanno sbucciate, tagliate a metà o a cubetti, tolto il nocciolo e bollite per 3 minuti.

Secondo metodo di comgelazione: addolcendola con zucchero in polvere

E’ quella che si effettua addolcendola con zucchero in polvere prima della conservazione come le fragole, i lamponi, la frutta selvatica come mirtilli e more e ribes, è necessario lavare i frutti e togliere il picciolo.

Terzo metodo di conservazione: addolcendola con sciroppo di zucchero

Le mele ad esempio dopo averle lavate, tagliate a metà e dopo aver tolto i semi e averle fatte bollire 3 minuti possono essere messe in allumino o barattoli con coperchio, possono essere congelate al naturale o addolcite con dello sciroppo di zucchero. L’uva invece va lavata, asciugata bene e poi bisogna togliere il graspo e separare gli acini, poi va conservata in barattoli con coperchio addolcendola con lo sciroppo.

**Lo sciroppo si prepara in questo modo: Portare ad ebollizione 1 litro d’acqua e sciolgliervi 500/800 gr. di zucchero. Fare raffreddare prima dell’uso.

ESPERIENZE PERSONALI: A casa congeliamo tutti i tipi di frutta e in particolare frutti stagionali come le albicocche che prepariamo lavandole, tagliandole a metà e tolgiendo il nocciolo, poi le mettiamo in contenitore di alluminio con dello sciroppo di zucchero.

Prezzo: Quello dei contenitori

SVANTAGGI: La frutta può essere congelata, ma alcuni tipi di frutta devono essere preparati e addolciti, non è possibile congelare una pesca intera

VANTAGGI: Avere tutta la frutta disponibile in ogni periodo dell’anno

APPROFONDISCI LA GUIDA: Come conservare la frutta
APPROFONDISCI LA GUIDA: Come mangiare frutta e verdura ogni giorno

si-congela-la-frutta-fresca

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>