Come si cambia un pannolino a un neonato

Ecco fatto: il bebè tanto atteso è nato, ed ora, per la prima volta, siete alle prese con quella che nei mesi a venire sarà una delle vostre principali incombenze: cambiare il pannolino alla creatura! E credetemi, diventerete presto e facilmente delle vere e proprie esperte (o esperti) in materia. Tuttavia le primissime volte ci si può sentire un pochino in preda al panico: ma niente paura, è una operazione che sì, richiede un po’ di cura e di attenzione, ma davvero alla portata di tutte (e tutti).

Il primo dubbio in genere è su ogni quanto tempo cambiare il bambino. L’ ottimo ovviamente è ogni volta che si sporca, soprattutto in caso di evacuazione (le feci irritano molto la pelle delicata del neonato). Ma non bisogna nemmeno esagerare: se il bambino dorme, lasciatelo in pace! Lo cambierete al risveglio, con calma.

Vediamo ora come procedere.

Respirate profondamente e mantenete calma e sangue freddo (questo vale per le primissime volte!).
Sistemate sul fasciatoio un asciugamano morbido, meglio se di cotone o di lino.
Adagiatevi con delicatezza il bambino. State molto attente a non lasciare MAI incustodito il bambino sul fasciatoio, cercate di tenerlo sempre con una mano.

Staccate le fascette laterali del pannolino e apritelo, toglietelo con delicatezza.

Pulite con una salvietta umidificata. Usate quelle apposite per bambini, poco aggressive sull’epidermide, usandone, se necessario, anche più di una. Meglio ancora sciacquate il sederino sotto acqua corrente tiepida e asciugate con molta cura con un panno morbido. Per le bambine pulite procedendo dall’alto verso il basso, (dalla vulva all’ano) per non propagare germi che possono causare facilmente infezione. Prestate attenzione alle pieghe della pelle: sia quando lavate che quando asciugate, sono zone molto delicate che si irritano facilmente.

Se -e solo se- il pediatra ve lo consiglia potete utilizzare della crema a base di ossido di zinco: soprattutto in presenza di lievi irritazioni.

Se non avete fretta, lasciate per qualche minuto il bambino senza pannolino, giusto per fare respirare la pelle.

A questo punto si può mettere il pannolino pulito. Apritene uno, posizionatelo sotto il bambino, in modo che il bordo arrivi più o meno sopra la vita. Fatelo passare tra le gambine, posizionatelo in modo che non sia ne troppo tirato ne troppo lento. Tenetelo fermo appoggiando leggermente la mano sul pancino e chiudete con gli adesivi, ancora una volta curando che non sia troppo stretto ma nemmeno troppo largo.

Ci sono bambini che amano molto il momento del cambio, altri che strillano come aquilotti: in tal caso, cercate di mantenere la calma, parlando con dolcezza al bambino e cercate di muovervi con delicatezza e velocità.

E se vi sentite davvero imbranate… fatevi filmare mentre cambiate il bambino e rivedetevi poi tra un paio di anni: sarete diventate talmente brave/i , ve lo garantisco, che vi farà ridere vedere come eravate impacciate/i! (E vedrete: vi sembrerà tutto molto tenero).

si-cambia-pannolino-neonato

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>