Come scrivere un riassunto chiaro

Non tutti siamo capaci a riassumere. O meglio, questo ci hanno sempre voluto far credere. E’ il metodo che fa la differenza in un riassunto.

Impariamo semplici regole e consigli, che possono aiutare chiunque con un po’ di impegno a scrivere riassunti ottimi e ben strutturati. Per prima cosa, leggere attentamente il testo almeno un paio di volte, stando attenti ad ogni particolare: ricordate che una buona lettura fa miracoli. Leggete, rileggete finchè non sarete sicuri di aver compreso perfettamente il significato del testo che avete davanti. Non lasciate dubbi, cercate sul dizionario, ricordate che questa è la base per iniziare a fare un riassunto. Dividete in piccoli paragrafi per contenuto: fate in modo da averne tanti non troppo grandi e con contenuto omogeno al loro interno.

Ricordate di non dare nulla per scontato, ugualmente di non fare mille paragrafi. E’ necessario avere misura e comprendere quali pezzi riguardano un solo aspetto del testo e possono per questo andare insieme perchè simili. Una volta fatto questo, è importante rileggere singolarmente ogni pezzo. Quando lo avrete fatto, iniziate a sottolineare frasi piccole o parole chiavi. Poi segmento per segmento, iniziate a riassumere. Cercate di spiegare cosa accade, senza ripetere alla stessa maniera: glissate sui particolari non vitali e ponetevi praticamente sempre la domanda “Se non so questo, il testo continua ad avere senso?“. Se la risposta è sì, allora non avete problemi e scrivetelo.

Cercate di trovare equilibrio tra l’essere puntigliosi e l’arrangiare le cose. Una volta che avrete tutti queste parti, riunitele in un unico testo. Per fare questo c’è bisogno di attenzione. Fate in modo che il testo che unite non sia ripetitivo, non contenga errori elementari. Per esempio, state attenti ai soggetti e alle concordanze con i verbi, se unite diversi pezzi: potrebbe darsi che il soggetto singolare di un pezzo, diventi plurale se unito con un secondo frammento. Non dimenticate di stare attenti al tempo verbale: questo deve essere lo stesso in tutto il testo, non dovete iniziare parlando al presente indicativo e finire parlando all’imperfetto. Quando avrete un testo organico, leggete il vostro testo e fate una nuova sfrondatura: cancellate le parti che vi rendete conto possano essere superflue ed inutili ( ci sono sicuramente, fidatevi.).

Questo processo è importante: può darsi che alcune parti contenessero passaggi simili, che potevate unire tra loro anche per concetti e quindi solo una buona rilettura può dare ottimi risultati. Dopo la pulitura, dovrete immedesimarvi in qualcuno che non ha letto mai il testo originale. Leggete il vostro riassunto e vedete se riuscite a capire ogni parte, ogni riferimento che avete messo, senza conoscere l’originale. Se e solo se, fatta quest’operazione vi trovate in grado di ricostruire in maniera generale il testo da cui siete partiti, allora è tempo di ricopiare il vostro lavoro che sarà finalmente ultimato.

come scivere riassunto

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>