Come scrivere un biglietto di ringraziamento per un regalo

Quando si riceve un regalo, è buona educazione ringraziare la persona che l'ha fatto. In occasioni importanti, quali possono essere i matrimoni, è sempre bene scrivere dei biglietti di ringraziamento, anche se spesso questa operazione non è sempre facile.
Al giorno d'oggi, con il mondo di internet che è entrato a far parte prepotentemente della nostra quotidianità, viene trascurata la scrittura in generale. Tuttavia, in questo articolo, verranno descritte alcune linee guida generiche per la scrittura di un biglietto di ringraziamento per il ricevimento di un regalo e, nello specifico, verranno forniti alcuni esempi pratici, dai quali prendere spunto.
Innanzi tutto è bene scrivere un biglietto di ringraziamento anche nel caso in cui il regalo non ci sia piaciuto. La scrittura di un biglietto rende tangibile la nostra gratitudine e, al tempo stesso, fà in modo che le persone che ci hanno fatto il regalo si sentano più apprezzate. Per prima cosa, è importante che il biglietto venga scritto direttamente a mano, il che rende il ringraziamento meno impersonale, tanto da suscitare, in chi lo riceve, l'idea che il ringraziamento, e quindi il biglietto, è veramente sentito e fatto con piacere ( e non come un dovere ). Per scrivere in maniera ottimale un biglietto di ringraziamento occorre, prima di tutto, una carta da lettere oppure una cartolina di quelle decorate, che siano comunque delicate e non troppo vistose. E' bene evitare, però, i biglietti con messaggi prestampati, che rendono il tutto troppo impersonale. La cosa migliore è scrivere frasi di proprio pugno, che non siano copiate e che siano adatte alla persona che deve ricevere il biglietto e all'occasione. Per cominciare un biglietto bisogna innanzitutto partire con " Caro/a .... " scrivendo il nome del donatore. Ciò è importante, in quanto alle persone piace sentire pronunciare il proprio nome e, in questo caso, vederlo scritto su un biglietto. Si passa poi al ringraziamento vero e proprio per il regalo ricevuto, con una frase del tipo " ti ringrazio per .... " . E' preferibile evitare la frase " ti scrivo per ringraziarti " in quanto questa è una cosa ovvia. Nel caso in cui il regalo ricevuto è stato di tipo monetario, è bene non citare apertamente questo aspetto, ma scrivere, piuttosto, una frase come " ti ringrazio per la tua generosità ".
Si passa poi ad argomentare il proprio apprezzamento per il regalo. Nel caso di denaro, si può scrivere di ciò che si ha intenzione di fare con esso, come una frase, ad esempio, del tipo " sarà un grande aiuto per l'acquisto di ... ". Nel caso in cui il regalo ricevuto è un piccolo presente, si può scrivere di quanto questo ci sia piaciuto e ci sia utile in tono spiritoso ma non troppo enfatico. Si procede, poi, con una frase relativa al proprio rapporto con chi ha effettuato il dono, come, ad esempio " ... spero di rivederti presto ... " e si conclude con un " grazie ancora per il regalo ", i saluti e la firma.
Per concludere, consiglio a tutti di scrivere un biglietto di ringraziamento per un regalo ricevuto, sia come buona educazione, sia per riprendere un pò le buone abitudini di una volta.

regalo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>