Scegliere l’albero di Natale

Avete mai sentito parlare del libro “L’’uomo che piantava gli alberi?
E’ la vera, emozionante, storia, raccontata da Jean Giono, di Elzeard Bouffier, un uomo che da solo, in Francia, nel periodo intorno alla prima guerra mondiale, piantò migliaia e migliaia di alberi, facendo così nascere una foresta e permettendo ad un ambiente abbandonato e desolato di tornare a vivere e a popolarsi.
Se pensate a Elzeard Bouffier, capirete che il miglior albero di Natale è quello che non c’’è?

Allora potete fare come i “giardinieri abusivi” dei critical gardens, che invitano a colonizzare ogni spazio verde disponibile per rendere più umane le città in cui viviamo. Natale può essere proprio l’’occasione per cominciare. Fin da ora cominciate a guardarvi intorno: aiuole abbandonate, slarghi in attesa di risistemazione,… ma anche terrazzini, balconcini, e perfino gli spartitraffico o i tetti delle case. Piantate lì il vostro albero di Natale: non è detto che debba essere necessariamente un abete. Qualsiasi pianta adatta al clima e all’’ambiente della città in cui vi trovate andrà benissimo. Dovete solo accertarvi che sia abbastanza robusta da sopportare una vita piuttosto faticosa e considerare anche l’’aspetto: tutte le piante sono belle, ma alcune sono più “festose” di altre. Sceglietene una con fogliame vistoso, anche se giovane. Non è detto neanche che sia necessario spendere denaro: a volte i vivai hanno delle piante da eliminare. Di tanto in tanto andate a fare visita al vostro albero di Natale e fotografatelo.

Scambiarsi i doni davanti alla fotografia della vostra “creatura” che vive libera invece che soffocata in un appartamento riscaldato sarà un’esperienza elettrizzante.
E se questo non vi basta, e non volete rinunciare ad un albero vero e proprio, abbandonatevi alla fantasia, ma tenete ferma la promessa di non nuocere al’l’ambiente. Cartapesta, fil di ferro, stracci: ogni materiale da riciclare si presta ad interpretare il concetto di albero, in modo creativo e insolito.
Inoltre costruire un albero con le vostre mani vi darà l’occasione di trascorrere delle belle ore insieme a chi vi sta vicino.

Ma se proprio non ce la fate a fare a meno di un albero verde, ricordatevi che molte ditte producono alberi di Natale ecologici. In questo caso, una volta acquistato, per molti anni avrete la soluzione del problema.
Infine, se siete degli irriducibili dell’albero “vero” sappiate che potete usare cime e rami che vengono dalla potatura di alberi dei boschi che la guardia forestale sarà lieta di fornirvi, o comunque accertatevi che l’’albero che acquistate provenga da boschi coltivati ad hoc, e impegnatevi ad assicurargli una vita dopo Natale, piantandolo di nuovo.
Per i vostri figli sarà un regalo che non finisce mai.

albero di Natale scelta

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>