Come scegliere la pittura contro le muffe

Ecco qualche consiglio su come scegliere la pittura contro le muffe. Problema che  affligge spesso le nostre stanze ed in particolare il bagno e la cucina. Generalmente la muffa si forma nelle stanze umide o sottoposte a frequenti sbalzi di temperatura. Ad esempio quando facciamo la doccia e non apriamo le finestre, si genera una condensa che si deposita sulle nostre pareti generando la muffa; la stessa cosa accade in cucina dove i fornelli e i cibi che cuciniamo danno luogo alle muffe. Combattere la muffa è possibile grazie ad una serie di accorgimenti e a prodotti specifici che si aggiungono alla normale pittura e prevengono il formarsi della muffa.

 

Come agire contro la muffa

Per prima cosa, per evitare la formazione di muffa occorre areare sempre i locali, evitando quindi la formazione di condensa. Se ci accorgiamo che le nostre pareti sono affette da muffa (utilizzo il termine “affette” in quanto le muffe sono organismi vivi che “infettano” le nostre pareti) per prima cosa dobbiamo pulire la zona. Per farlo dobbiamo servirci di un raschietto ed andare ad eliminare tutta la muffa depositata nelle pareti. A questo punto bisogna spruzzare uno spray antimuffa (si tratta di una sorta di disinfettante a base di candeggina che previene ed elimina la muffa). Lo spray antimuffa può essere acquistato in qualunque negozio di vernici ad un prezzo che non supera i 6 euro.
Dopo aver pulito e trattato la zona affetta da muffa, bisogna passare alla fase della pittura. In questo caso potete decidere di acquistare una pittura con antimuffa o una semplice pittura a cui andrete ad aggiungere una piccola parte di spray antimuffa. Di pitture con antimuffa ne esistono di diverse tipologie a seconda delle pareti che dobbiamo verniciare.
In generale è possibile distinguere due tipi di pittura antimuffa: ad acqua e lavabile.

  • La pittura antimuffa ad acqua è indicata per i soffitti e per le pareti che hanno bisogno di “respirare” (cucina e bagno). La pittura antimuffa ad acqua, infatti, ha un elevato potere traspirante che impedisce il formarsi della condensa. Il prezzo di una vernice antimuffa ad acqua oscilla dai 20 ai 50 euro circa a seconda della quantità e della marca di vernice acquistata.
  • Le vernici lavabili antimuffa, invece, sono indicate per tutte le stanze della casa che sono soggette a sporcarsi (salotto, camera dei bambini, ecc.). Il prezzo delle pitture antimuffa lavabili è più alto di quello delle pitture ad acqua e generalmente oscilla fra i 40 e i 60 euro.

Se volete risparmiare qualche euro potete acquistare una semplice pittura ad acqua o lavabile ed aggiungere una piccola parte di spray antimuffa (all’incirca 10 ml per 2 litri di pittura). Dopo aver aggiunto il liquido antimuffa dovrete mescolare il tutto fino a creare un composto omogeneo.
Ricordate che se che la vernice, se correttamente conservata (bisogna evitare che l’aria entri nel contenitore), può essere riutilizzata anche dopo alcuni anni. Il prezzo per una pittura ad acqua oscilla fra i 15 e i 20 euro circa, mentre il prezzo per una pittura lavabile oscilla fra i 25 e i 40 euro.

antimuffa

5 comments

Leave Comment
  1. Alessio

    Buongiorno, vorrei fare alcune osservazioni riguardo al trattamento antimuffa. Così come lo avete descritto voi non avrebbe grandi risultati, anzi. Innanzitutto bisogna ricordare che la muffa va trattata con cautela, quindi proteggendo le vie respiratorie con mascherine idonee. Non bisogna raschiarla mai a secco perché la si propagherebbe altrove, bisogna applicare un disinfestante specifico che si deve lasciare agire per circa 24 ore. Si possono applicare anche più mani sempre rispettando le tempistiche indicate sul prodotto.
    La suddivisione che avete fatto tra pitture “all’acqua ” e lavabile non è corretta. Le categorie dei prodotti da voi presi in considerazione sono da suddividersi così: traspiranti e lavabili, sono entrambe all’acqua ma la seconda ha una traspirabilità inferiore e quindi non consigliabile per ambienti dove il livello di umidità varia nell’arco della giornata( vapori prodotti da doccia o vapori dovuti alla cottura). Lo spray di cui si parla , nella maggior parte dei casi, non è nient’altro che ipoclorito di sodio, candeggina , non fa altro che sbiancare la muffa senza eliminarla.

  2. Pingback: Come dare il bianco a casa: guida per imbianchino fai da te | Guide online

  3. Alessio

    Il mio consiglio è di applicare un disinfestante idoneo sulla muffa per eliminarla, nella modalità descritta nel post precedente, applicare una pittura termoisolante
    ( facoltativa ) per uniformare un pochino le temperature superficiali della parete. Per la tinteggiatura consiglio una pittura antimuffa traspirante o un silicato di potassio. Il secondo prodotto, molto coprente, crea un film sottile di pittura e non va a coprire troppo le microsfere di vetro presenti nella pittura termoisolante. Richiede un’attenzione particolare nelle coperture perché può danneggiare vetri e marmi. a me non è mai capitato ma sulla scheda tecnica viene indicato come possibile effetto.
    I prodotti hanno un certo costo, io utilizzo per l’antimuffa Franchi &kim Traspirante Antimuffa, il KBF come disinfestante, e come silicato il silicat interior della Caparol.
    Ovviamente in commercio ci sono molti prodotti validi, però sconsiglio, su superfici già dipinte il Killer della Franchi & Kim perché lavabile e perché essendo molto forte si rischia il distacco delle precedenti pitture. Su superfici nuove niente da dire.
    Spero di essere stato chiaro nelle spiegazioni e soprattutto d’aiuto.

  4. La muffa è una cosa seria. Se hai un po’ di muffa puoi provare il “fai da te” ma se l’infestazione è diffusa o persistente è inutile leggere aticoli su internet, spruzzare candeggina o prodotti da 6 euro.
    Serve una disinfestazione professionale che e che uccida la muffa e poi elimini anche le spore invisibili. I biocidi professionali richiedono molte ore per agire, come pensate di poter risolvere con mezzora di candeggina?
    La maggior parte delle volte la muffa si riforma solo perché non è mai stata eliminata veramente.
    Dipingere con pitture varie sopra altri strati di pittura (dove probabilmente ci sono spore o muffe nascoste) non serve a niente anche se acquisti la più pubblicizzata “pittura antimuffa.”
    Il consiglio è affidarsi ad un esperto, far eseguire una disinfestazione professionale togliere le vecchie pitture se necessario e usare pitture totalmente traspiranti, possibilmente a base di calce.
    Poi, se si vuole eliminarla per sempre bisogna scoprire le cause per cui si forma la muffa e l’eccesso di umidità. La muffa e l’umidità sono fenomeni naturali che possono essere misurati con strumenti e controllati.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>