Come scegliere un avvocato

Sempre più spesso, oggi, si ha a che fare con problemi di varia natura, una disputa con il proprio vicino o un problema con la macchina, per la cui soluzione si necessita dell’operato di un esperto di legge. Non tutti hanno la fortuna di conoscere un avvocato o di averlo in famiglia, in questo caso la ricerca diventa difficile e può richiedere anche del tempo. Il primo modo per cercare un avvocato è il classico passaparola. In linea di massima non esistono bravi o cattivi avvocati, la sottile differenza sta nel modo in cui si affronta il lavoro e come si porta avanti il problema. Un avvocato può essere molto competente in un settore, come ad esempio il diritto civile e meno preparato o esperto in un altro. La prima cosa da fare è quella di capire la natura del proprio problema e di conseguenza rivolgersi ad uno specialista del settore. Molti avvocati specificano sui loro biglietti da visita il settore in cui operano, altri non lo fanno. Grazie alle moderne tecnologie è possibile fare una semplice ricerca per conoscere il nome di un buon avvocato nelle proprie vicinanze. Oltre al tipo di specializzazione bisogna poi pensare anche ai costi che si affronteranno. Un buon avvocato è chiaro fin dal primo momento. In molti casi si può fare anche un vero e proprio preventivo a seconda del problema che si affronta. La chiarezza e la trasparenza sono fondamentali fin dal primo incontro. Quando non si conosce un avvocato anche la prima impressione è importante, così come la fidicia e il rapporto con il cliente, è sbagliato mettersi su due piani diversi, l’empatia può essere un punto a favore. I costi poi variano, questo è certo, in questo il mercato è dalla parte del cliente, ma cambiare può essere un errore quando si è ad un certo punto della causa, meglio decidere la strategia da seguire in tempo. Personalmente nella scelta del proprio avvocato mi affiderei ad una persona conosciuta, spesso nella cerchia familiare si ha quasi sempre un buon avvocato. Per non parlare poi di amici o conoscenti che possono, quasi sicuramente, consigliare al meglio la persona più adatta. I prezzi di un avvocato sono difficili da stabilire, molto dipende anche dal tipo di problema e se si va o meno al processo. In alcuni casi l’avvocato è un semplice consulente informativo, esperto in legge, che indirizza il potenziale cliente su quale strada deve percorrere in una particolare situazione, o come tutela. Il costo di una consulenza può variare molto, in media si aggira intorno ai 100-200 euro. Il discorso è diverso se poi l’avvocato lavora effettivamente per un cliente durante il processo, se ci sono spese aggiuntive, se la causa si protrae a lungo, se richiede molte energie. In questo caso il conto può essere anche molto salato, diverse migliaia di euro. In linea di massima comunque si cerca sempre un avvocato noto, che abbia un buon nome e che infonda fiducia. E’ molto importante non dimenticare questo punto perchè se manca la sicurezza e la fiducia nel proprio avvocato si perde già in partenza. Essere preparati e affidabili non coincide necessariamente con l’età, ma affidarsi ad un avvocato di cui si conosce l’operato è il metodo lavorativo è importante.

avvocato

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>