Come scaricare Gimp

Gimp è un interessante progetto open-source: questo vuol dire che il “sorgente”, il codice del programma, è liberamente scaricabile da internet e modificabile, a patto di avere le dovute conoscenze informatiche. In più è gratis ed esiste per tutti i sistemi operativi più diffusi: Windows, Linux e MAC OS.
E’ sicuramente uno dei migliori software per fotoritocco freeware (se non il migliore in assoluto) ma, purtroppo, non è facilissimo da utilizzare.
Il sito di Gimp (http://www.gimp.org) è solo in inglese, ma è semplice da navigare e le sezioni sono ben divise. Basterà andare nella sezione “downloads” (http://www.gimp.org/downloads) per poter avere il software a disposizione, in più il sito stesso dovrebbe riconoscere il sistema operativo utilizzato e proporre direttamente il file di installazione corretto.
Qui di seguito le procedure specifiche per scaricare il programma sui diversi sistemi operativi.

GIMP per Windows: il sito ufficiale di GIMP distribuisce in realtà solo il codice sorgente, ma il file eseguibile per installare ed utilizzare il programma si può scaricare dal sito http://gimp-win.sourceforge.net/stable.html.
Dalla pagina di download per Windows si possono scaricare anche pacchetti aggiuntivi, che si possono ignorare se si pensa di fare un utilizzo non professionale del programma. I requisiti di sistema sono basilari: per utilizzare GIMP basta una qualsiasi versione recente di Windows (NT4, 2000, XP o Vista), ma è possibile scaricare il software anche per Windows 95 o 98, perdendo però il supporto e tutte le nuove caratteristiche aggiunte al programma in questi anni. La RAM installata sul computer deve essere di almeno 128MB, ma è preferibile averne una quantità maggiore.

GIMP per Unix (Linux): ci sono vari modi per ottenere gli eseguibili di GIMP per questo tipo di sistemi. Oltre a poter scaricare e compilare il programma a partire dai sorgenti presenti sul sito, si possono utilizzare i software di gestione dei pacchetti inclusi nella distribuzione in uso. Bisogna però ricordare che i pacchetti sono gestiti da utenti che utilizzano GIMP, e non dal team ufficiale che quindi non ne garantisce integrità e sicurezza. Per quanto riguarda i requisiti hardware, questi sono veramente “base”; sul sito si legge: “se il vostro sistema è in grado di far girare un browser grafico, avete buone probabilità di poter usare GIMP”.

GIMP per Mac OS X: il team di GIMP non fornisce un eseguibile ufficiale per MAC, ma si può comunque installare facilmente usando i pacchetti forniti per OS X. Utilizzare GIMP su MAC richiede l’installazione dell’ambiente Apple X11, incluso nel disco “installazioni opzionali” del disco di MAC OS X. Per il download si possono usare i Macports oppure FINK, ma per i dettagli si faccia riferimento alla pagina di download ufficiale del sito del progetto GIMP.

Su internet è possibile reperire tantissimi tutorial (anche video, su youtube.com ad esempio) per imparare ad utilizzare questo potente strumento grafico, che potrà essere utile in tutte le piccole modifiche di cui tutti hanno spesso bisogno, ma che in pochi sono in grado di effettuare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>