Come risparmiare sui pasti

Ormai al giorno d’oggi il tenore di vita è diventato altissimo, l’inflazione ha raggiunto dei livelli esorbitanti, nonostante ciò gli stipendi si sono assestati a dei livelli medi e non accennano a risalire.
Tutto questo divario porta a una crisi generalizzata che tocca soprattutto le famiglie che si trovano a dover far fronte a situazioni di disagio economico non indifferente.
Si sente più spesso dire che è difficile arrivare a fine mese, che i soldi non bastano per pagare le bollette e anche far la spesa diventa un momento di tensione.
Fortunatamente esistono dei piccoli accorgimenti che permetto alle famiglie medie di risparmiare dei soldi senza privarsi totalmente delle comodità o dei piccoli vizi a cui si è abituati.
Il consiglio principale è quello di recarsi nei supermercati con una lista di prodotti assolutamente indispensabili e necessari per la propria famiglia , tralasciando di girovagare per le corsie del supermercato rischiando di acquistare prodotti costosi di cui non ne avevamo bisogno!
Una spesa oculata è il primo passo verso il risparmio.
Sempre più diffusa è poi la tendenza dei grandi supermercati di avere al loro interno una sorta di outlet alimentare : ovvero prodotti senza marca, ma sicuramente buoni e controllati venduti ad un prezzo inferiore rispetto ai “cugini firmati”.
Un’ottima scelta è anche quella di acquistare prodotti gran formato, magari da surgelare, sfruttando anche eventuali sconti aggiuntivi.
Per chi ha una famiglia numerosa o vive in un contesto molto unito (parliamo di abitazioni dove la gente si conosce da sempre) può andare a fare una spesa cumulativa nei consorzi dove la merce è venduta direttamente dal produttore al consumatore con un notevole risparmio poichè si elimina tutta la catena di trasporti e stoccaggio che fa aumentare il prezzo dei prodotti, informatevi se nelle vostre città esiste un mercato ortofrutticolo o un consorzio ittico.
Infine un piccolo consiglio per chi , a causa del lavoro, è costretto a mangiare fuori casa: spesso nei ristoranti si vedono menu esposti a 10 , non molto è vero , ma se fate due conti in un mese lavorativo un dipendente medio arriva a spendere anche 250  per il pranzo, circa un quarto di stipendio!
Come ovviare a questo probelma? la soluzione è semplice e a volte anche più salutare: abituatevi a preparare una bella insalatona o una macedonia di frutta di stagione e consumatela all’interno del vostro ufficio e se proprio avete bisogno di respirare un po’ di aria diversa, sfruttate l’arrivo della bella stagione e raggiungete il parco più vicino a voi , sedetevi su una panchina e consumate il vostro pasto immersi nella rilassante natura; anche il vostro equilibrio psichico vi ringrazierà!
Se invece vivete in una grande città cogliete l’occasione per rilassarvi godendo della vista di storici monumenti che caratterizzano l’Italia tutta!

pasti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>