Come rilevare gli autovelox con SpeedTrap per Android

I moderni smartphone, grazie alle Google Maps, vengono ormai utilizzati anche come efficienti navigatori. GMaps, tuttavia, non implementa la rilevazione degli autovelox e questo può creare dei problemi: nell’entrare in una zona ancora poco nota, infatti, si può incorrere nel rischio di superarne, involontariamente, i limiti di velocità.
Per sopperire a tutto ciò, esistono delle app ad hoc: in questa guida ne presenteremo una particolarmente light.

 

Istruzioni

  1. "SpeedTrap", per Android, è un'app dall'interfaccia semplice e poco impegnativa per la RAM e la scheda grafica del nostro smartphone.

  2. Grazie al sistema di notifiche, poi, consente di tenere il device aperto sulla visualizzazione delle mappe: al momento opportuno, SpeedTrap ci avviserà dell'approssimarsi ad un autovelox e, nel frattempo, attuerà un monitoraggio (ogni 500 metri od oltre) della nostra velocità di crociera.

  3. In quest'ultimo caso, impostata una tolleranza sul limite massimo, il telefono accenderà il display, attuerà una notifica acustica e sospenderà - brevemente - l'audio delle altre app.

  4. Il sistema di mappe interne degli autovelox consente di rilevare "Autovelox fissi", "Autovelox mobili", "Box semipermanenti", "Sorpassometri" e "Tutor", "Semafori T-Red": le mappe con la disposizione di questi sistemi di monitoraggio devono, però, essere caricate manualmente da altri navigatori (Garmin, Navigon) o reperiti in rete (Google Earth etc...).

  5. Presente, infine, una versione premium che avvisa dell'ingresso in zone a traffico limitato e che dispone, tra le altre feature, di un sistema di controllo vocale.

unnamed1

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>