Come ridurre i rifiuti domestici

Ridurre i rifiuti domestici al giorno d’oggi è possibile. Si tratta semplicemente di effettuare acquisti mirati al supermercato. Inoltre è obbligatorio anche fare la raccolta differenziata.
Innanzitutto, quando si va al supermercato, bisogna scegliere prodotti che siano riciclabili. Acquistare quindi i cibi dentro contenitori in plastica può essere una prima soluzione. Evitiamo poi di acquistare i bicchieri e le posate in plastica, in quanto non sono riciclabili in nessun caso, come specifica la normativa vigente.
Per fare la raccolta differenziata, occorre separare i vari tipi di rifiuti. In un sacco bisogna quindi mettere tutti quelli di plastica e che siano riciclabili, dalle bottiglie, ai contenitori per alimenti e via dicendo. In un secondo sacco si mette invece tutto il materiale ferroso, incluse anche le scatolette di tonno e simili. In un terzo sacco mettiamo tutto il materiale di vetro, dalle bottiglie ai barattoli, quindi si procede con la carta. Fatto il tutto, bisogna solo attendere che ci vengano a prendere tutta questa roba a casa nostra, oppure recarsi in un’isola ecologica, muniti di tessera rilasciata dal comune di residenza e farsi pesare tutto il materiale riciclato. A questo punto, in quest’ultimo caso, si potrebbe avere uno sconto sulla tassa della spazzatura.
I vantaggi di ridurre i rifiuti domestici sono una maggiore attenzione per l’ambiente, abbassando i costi per quanto riguarda lo smaltimento dei rifiuti. Facendo così quindi, si avrebbe anche una sensibile diminuzione dell’importo della tassa della spazzatura.
Gli svantaggi consistono che se non si fa la raccolta differenziata, allora si rischia di nuocere all’ambiente e di andare anche contro la legge, visto che la raccolta differenziata la impone, come specifica il decreto Ronchi, che uscì nell’ormai lontano 1997.
Io, per esperienza personale, mi sento di consigliare la raccolta differenziata ad amici e conoscenti, in quanto ne possono beneficiare anche loro.
Inoltre, devono comunque essere dei consumatori consapevoli e prestare molta attenzione agli acquisti che fanno al supermercato, quindi preferire tutti quei cibi che consentano la riduzione dei rifiuti domestici. Io evito per esempio di prendere tutti quei prodotti chiamati “usa e getta”, perché contribuiscono non poco all’accumulo dei rifiuti domestici e poi diventa problematico smaltirli.
Altro consiglio che voglio dare, sempre ai miei amici, di recarsi subito all’ufficio tributi del comune per ricevere la tessera di accesso alle isole ecologiche, se ne sono ancora sprovvisti. Potranno quindi averla in tempi ragionevolmente brevi e quindi poter iniziare al meglio la raccolta differenziata. Potranno così avere anche loro degli interessanti sconti sulla tassa per lo smaltimento dei rifiuti, quindi credo che sia una cosa giusta da fare. Maggiori informazioni le possono trovare direttamente su internet.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>