Come ridurre i rifiuti domestici

Ogni anno, le discariche di tutto il mondo si riempiono di migliaia di tonnellate di rifiuti inutili, infatti è stato stimato che una sola persona produca una media di 4 chili di rifiuti ogni giorno. Si può ridurre la quantità di spazzatura prodotta da una famiglia, in alcuni modi abbastanza semplici che richiedono solo un po’ di attenzione e pochissima fatica, andiamo a vedere quali possono essere.

1) Acquistare cibi integrali e naturali che non siano dotati di imballaggio, inoltre aumentando la consumazione quotidiana della quantità di prodotti freschi, possiamo migliorare lo stato di salute della famiglia, oltre che quella del pianeta. A parte produrli se si dispone dello spazio necessario, è possibile acquistare cereali, spezie, fagioli secchi e molti altri articoli di questo genere, nella sezione dedicata ai cibi naturali, presente nella maggior parte dei negozi di alimentari. E ‘un modo decisamente economico per approvvigionare la dispensa, mantenendo tutto fresco conservando i prodotti in contenitori riciclabili.
2) Usare per gli acquisti delle borse riutilizzabili ogni volta che ci si reca al supermercato e se ancora si è in possesso di molti sacchetti di plastica, considerate che alcuni negozi di alimentari hanno degli appositi bidoni per il loro riciclaggio.
3) Acquistare i prodotti per la casa sfusi, come il detersivo per la lavatrice, il sapone per le mani e gli spray per le pulizie. Oppure comprare confezioni di grandi dimensioni per ogni prodotto, invece di tanti piccoli contenitori, per ridurre lo spreco dei materiali d’imballaggio, oltre a risparmiare sul costo del prodotto.4) Acquistare i prodotti realizzati con materiali riciclati o riciclabili. Questi prodotti non solo riducono la quantità di rifiuti nelle discariche, ma sono un grande aiuto per l’economia (ditte che lavorano i materiali riciclabili) e la difesa delle risorse (evitano l’abuso di materie prime come la carta).

5) Utilizzare panni per la pulizia lavabili e tovaglioli di stoffa, piuttosto che panni e tovaglioli di carta. Basterà usare dei vecchi vestiti o delle lenzuola logore, per ottenere degli ottimi panni per spolverare o lucidare, come facevano le nostre nonne.

6) Controllare che su ogni singola confezione si trovi il simbolo “riciclabile” prima di buttala via, rimarrete sorpresi di quante cose oggi siano riciclabili.
7) Non buttate tutti gli avanzi di cucina, perché alcuni di essi possono essere un fertilizzante estremamente ricco per il vostro giardino e per di più a costo zero. Ai rifiuti alimentari, per arricchire il fertilizzante, possono essere aggiunti dei rifiuti di cortile.
8) Pensate prima di gettare dei vostri oggetti che ritenete rifiuti, che possono essere un vero tesoro per altre persone. Esistono infatti delle comunità di trading online che consentono di scambiare oggetti di ogni tipo con quelli di altre persone della stessa comunità. Inoltre da non sottovalutare l’opportunità di donare per beneficenza, oggetti come coperte, vestiti, scarpe e suppellettili che non utilizzate più. Quello che per voi potrebbe essere ormai inutile, per tante persone, può essere di vitale importanza.

rifiuti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>