Come ridurre gli spam nella posta in arrivo

Moltissime caselle e-mail vengono quotidianamente riempite di posta indesiderata. Alcune volte si arriva addirittura al punto di rinunciare al proprio indirizzo e-mail ed aprirne uno nuovo. Esistono vari modi per evitare di ricevere messaggi di spam sulla propria casella, eccone alcuni. Il primo modo è selezionando manualmente tutte le e-mail indesiderate che si trovano nella casella “posta in arrivo” ed aggiungerle nella lista della posta non desiderata. Automaticamente, ogni volta che arriveranno quei messaggi verranno spostati direttamente nella casella “posta indesiderata” in modo da non essere visualizzate nella posta in arrivo. Oltre alla selezione manuale dei messaggi di posta si possono impostare dei filtri che bloccheranno automaticamente ogni e-mail che contiene una o più frasi contenute nei filtri inseriti. Generalmente i messaggi ricevuti da parte di spammer contengono testi su sessualità, prodotti miracolosi e su come fare soldi, il tutto generalmente in inglese. Se si aggiungono determinate parole in un filtro, bisognerà controllare di tanto in tanto la casella dei messaggi indesiderati, in modo tale da salvare e-mail provenienti da altri contatti che hanno usato una delle parole inserite nel filtro. Per evitare alla fonte di ricevere e-mail di spam, si deve stare attenti a come si utilizza la propria e-mail. Ecco alcune cose da non fare: Quando si riceve un e-mail inoltrata da parte di altre persone, evitate di inoltrarla ad altri. Molti spammer utilizzano proprio queste e-mail colme di indirizzi. Se però non si vuole rinunciare a condividere un e-mail informativa o un e-mail divertente, si può creare un secondo account e-mail da utilizzare esclusivamente per inviare e-mail di questo genere. In questo modo il vostro indirizzo mail principale non verrà mai visualizzato in una di quelle lunghe liste. Un altro accorgimento da prendere è per quanto riguarda le iscrizioni nei siti di qualsiasi genere. Molte volte, quando si vuole procedere all’acquisto di un prodotto o si vogliono ricevere delle newsletters, si clicca su di una casella per dare l’ok al trattamento dei dati personali. Molti siti sono però convenzionati con altri siti ed il risultato è che anziché ricevere solo la newsletter da parte del sito che interessa, si ricevono tante altre proposte commerciali. Poiché non si sa mai dove andrà a finire il vostro indirizzo e-mail, è meglio evitare di sottoscrivere newsletters o di iscrivervi a siti che possono utilizzare il vostro indirizzo di posta elettronica per inviarvi offerte commerciali. L’email, soprattutto se utilizzata anche per lavoro, è da considerare come un documento personale: se non è necessario non è il caso di mostrarla. La stessa cosa vale quando inserite un annuncio su internet: non inserite mai il vostro indirizzo email nel testo dell’annuncio. Se ciò non fosse possibile (es. assenza del tasto “contatta l’inserzionista) allora inseritelo in questo formato “indirizzoemail (at) provider.com. Praticamente dovete sostituire il simbolo “@” con “(at)” o con un altra denominazione che preferite. In questo modo eviterete di far trovare il vostro indirizzo email da programmi automatici che vanno perennemente alla ricerca di indirizzi sul web. Alcune volte si arriva a ricevere anche 400 messaggi di spam al giorno, quindi state attenti al vostro indirizzo email.

spam

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>