Ricordi dal Perù: negozi di souvenir

Fare un viaggio in Perù e tornare senza souvenir è davvero impossibile.
Gli oggetti da portare con sé sono di vario tipo e si possono acquistare in molti posti, a seconda delle zone visitate.
L’artigianato peruviano, infatti, ispirato all’antichissima arte inca, è ricco di materiali e assume varie forme.
Possiamo acquistare tessuti, rigorosamente lavorati a mano, come maglioni, ponchos, scialli e caratteristici cappelli con i paraorecchie, oltre a bellissime coperte, tutti fatti di lane di tipo diverso, ma ugualmente pregiati e originali. Se ne trovano ovunque, anche se tra i tessuti più belli ci sono gli arazzi di lana di San Pedro de Cajas, nella riserva naturale del Junin.
Se preferiamo souvenir in ceramica (un po’ più scomodi da trasportare, a dir la verità), i più famosi sono quelli di Quinua, di Chulucanas, quelli variopinti di Cusco e le particolari brocche a forma di toro fabbricate a Pucara. Dalla zona amazzonica, invece, potrete portare a casa oggetti fatti in argilla e raffiguranti gli animali che vivono nella foresta.
Un regalo prezioso sono i gioielli artigianali in argento e pietre semipreziose: i più belli vengono fatti a Cusco, Ayachuco e Junin, riproducendo spesso le forme tipiche dell’arte inca.
E se volete tornare con un ricordo davvero originale, non dimenticate di acquistare una maschera intagliata nel legno o uno dei bellissimi presepi in pietra di Huancayo.
I prezzi variano a seconda del tipo di souvenir preferito e gli acquisti si possono fare nelle zone di provenienza. Ovviamente, per fare spese in modo veloce ed economico, ma non per questo meno consigliato, nelle grandi città come Lima ci sono negozi di ogni tipo, come il Mercado del Indios, dove si trova un po’ di tutto. Il vantaggio è uno shopping meno “faticoso”, ma forse meno originale. Secondo me, la scelta migliore è quella di procurarsi una bella valigia da riempire mano a mano che si visitano i luoghi spettacolari che questo Paese offre al turista. In ognuno di essi non mancheranno mercatini (attenzione con gli oggetti di lana, potrebbero non esserlo al 100%) e piccoli negozi (dove fare incetta di ricordi a buon prezzo e quasi sempre di discreta qualità). L’emozione più grande, che sicuramente consiglio di vivere a chi si appresta a viaggiare sulle Ande peruviane, è quella di aggirarsi in uno “street market”: basta prestare attenzione a quello che si acquista (soprattutto nei posti più “turistici” può essere in agguato qualche bidone) , ma respirando l’aria variopinta e caotica del luogo, che sarà essa stessa uno dei ricordi più belli del viaggio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>