Come ricamare gli asciugamani

Le donne ormai lavorano quasi tutte fuori casa, uno stipendio non è più sufficiente per una famiglia e tutti e due i componenti adulti devono percepire uno stipendio mensilmente. Sempre meno il tempo delle donne da dedicare ad hobby e passatempi preferiti, ma ancora ci sono molte appassionate dei tradizionali lavori a maglia o eleganti ricami. Si possono ricamare le lenzuola o applicare delle bordure fatte all’uncinetto, o ancora delle tovaglie per i giorni di festa, ma fra la biancheria, quella più semplice su cui applicare dei ricami, sono sicuramente le asciugamani. Soprattutto le tovagliette da bagno in spugna, hanno un basso grado di difficoltà e spesso hanno un ovale o una striscia applicata, della tipica tela da ricamo, per facilitare il compito anche a chi è alle prime armi. Nei negozi specializzati o nelle mercerie, è possibile infatti acquistare coppie di asciugamani, la grande per il viso e la piccola per ospiti, che hanno già queste applicazioni in tinta o bianche per contrastare il colore della spugna e rendere più evidente il ricamo. Ad esempio, se vogliamo ricamare una asciugamano per il periodo delle festività natalizie, è sicuramente una bella idea quella di acquistarne una rossa con la tela da ricamo inserita in bianco. Questo farà si che possiamo usare del filato rosso, magari abbinato al verde o al dorato, tipici colori natalizi e disegnare un bel soggetto tipico con i colori che riprendono le tonalità della spugna. Su molti giornali specifici, troveremo i carta modelli a dimensione reale del disegno da eseguire, con gli specifici punti che ci faciliteranno senza dubbio il compito. Le asciugamani con la tela da ricamo inserito, potrebbero portarci a pensare che hanno un costo superiore a delle tradizionali asciugamani, ma non è così, anzi essendo grezze, hanno un costo nettamente inferiore, posso asserire di averne acquistate di belle anche presso i mercatini rionali, a prezzi veramente irrisori. Se invece vogliamo ricamare delle asciugamani di lino, il gioco diventa un po’ più arduo e prevede una maggiore esperienza. Dovremo attrezzarci di piccolo telaio in legno o plastica, all’interno del quale mettere di volta i volta la parte dell’asciugamano su cui stiamo lavorando. Questo perché tenderemo maggiormente la tela, evitando di fare un lavoro sporco e spiegazzato. I filati dovranno essere leggermente più sottili, rispetto a quelli usati per le asciugamani di spugna e di conseguenza anche l’ago. Per quanto riguarda invece i carta modelli, possiamo utilizzare gli stessi, ma non necessariamente si devono usare dei disegni prestampati per asciugamani. Se decidiamo di ricamare una tovaglietta da bagno per il nostro bambino, possiamo prendere spunto dai disegni che i giornali indicano come ricami per lenzuola o copertine per i più piccoli, o ancora si trovano degli splendidi ricami per i bavaglini, con animaletti e soggetti infantili davvero carini. Per i più abili, consiglio il ricamo ad intaglio e monocolore, di grande effetto, ma che sicuramente prevede una certa esperienza. Si procede come un normale ricamo a punto semplice e poi con un apposito taglierino, simile a quello per le asole, si ritaglia all’interno del ricamo, ma attenzione a non tagliare il filato, l’errore è irrimediabile.

asciugamano ricamo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>