Come rendere il giardino sicuro per i bambini

Chi abita in un condominio ha priorità differenti (scale, ascensore, prese elettriche, balconi…) da tenere sotto controllo per la sicurezza dei suoi bambini e l’esperienza porta a pensare che qui risulta più facile incanalare l’irruenza dei piccoli “esploratori”.
Eh sì, c’è quell’età in cui i piccoli vogliono esplorare tutto e “toccare con mano” ogni cosa e… non ci si può nemmeno adirare, dato che si rischia di “bloccarli”, come affermano tutti, psicologi e specialisti, che coi loro studi dicono che le “esplorazioni” dei bambini sono indice di intelligenza che non va mai coartata, anzi va sostenuta e debitamente incanalata.

In un ambiente aperto il desiderio di conoscere e sperimentare si accentua, decisamente, e qui non basta più il semplice controllo dei piccoli che certo non vanno abbandonati a se stessi, ma qui è il giardino che deve essere pure controllato attentamente e… messo in condizioni di non nuocere.
All’improvviso ti rendi conto che i tuoi tesorini stanno per invadere il tuo territorio, che non sei più libero di rimandare quel determinato intervento in quell’angolo, che non puoi lasciare sul muretto cesoie e segaccio, proprio no.
Chi scrive ha fatto tale esperienza e proverà ora a riportare i suggerimenti più utili:

UNO
Un giardino generalmente è recintato, se in qualche punto il muretto è crollato o la rete è rotta, provvedere. Il bambino potrebbe essere incuriosito dai passanti e uscire per strada, magari trafficata.

DUE
In un giardino, è naturale, ci sono piante e alberi. Se gli alberi sono a fusto alto è meglio, se a fusto basso un bambino potrebbe salire sui rami e arrampicarsi. Disporre intorno dei vasi da fiori o altro, in modo da tenerlo lontano. Per le piante assicurarsi che
non siano pericolose (rose, ortiche…) per le spine. Eventualmente recintarle.

TRE
Se ci sono alberi da frutta, spiegare che un frutto per terra non va raccolto e portato alla bocca, che la mamma lava per bene mele, arance, susine che mette a tavola durante il pranzo.

QUATTRO
Oggetti pericolosi e attrezzi da lavoro, zappe, rastrelli, cacciaviti, martelli, devono essere riposti sempre nella casetta degli attrezzi.

CINQUE
E’ facile che per le piante e gli alberi vi siano medicinali, concimi in polvere o liquidi, esche. Se fino a ieri rimanevano a portata di mano, ora devono sparire, chiusi a chiave in un luogo sicuro.

SEI
Se per il divertimento è stata sistemata un’altalena al ramo di quell’albero, controllare pure che non si possa andare a sbattere contro il muro, o cadere tra le spine.
Se c’è ancora la piscina gonfiabile dopo l’estate, metterla via o assicurarsi che non possa riempirsi d’acqua piovana, stimolando fantasie folli.

SETTE
Nessun accorgimento sostituirà l’occhio vigile di un adulto, per cui il massimo si otterrà, stando presenti. Magari rimandare gli interventi di manutenzione e sistemazione ai momenti di svago dei piccoli e così, con l’occhio vigile “da lontano”, si potrà godere del vederli crescere, dando loro la convinzione gratificante che sono già “grandi”.

Svantaggi: nessuno, i figli so’ piezzi ‘e core, tutto per loro

Vantaggi: i figli “crescono” e gli adulti con loro.

giardino sicuro

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>