Come reimpostare la password di Windows grazie a Trinity Rescue Kit

Usate il vostro computer in condivisione con qualcun altro ma all’improvviso avete scordato la password d’accesso per il vostro account su Windows? Non lasciatevi prendere dal panico, c’è una soluzione per tutto. Non ci sarà bisogno di reinstallare completamente il sistema operativo. Nessuna soluzione drastica, quindi.
Ciò di cui avremo bisogno è una distribuzione Linux gratuita: il suo nome è Trinity Rescue Kit, ed essa è nata appositamente per consentire le operazioni di ripristino su Linux e su Windows. È possibile bootare Trinity Rescue Kid da una normalissima periferica Usb, come un cd di boot (basterà masterizzarlo dal file Iso scaricabile) o attraverso Preboot Execution Environment (in tal caso sarà necessario cambiare alcune impostazioni di rete). Noi vi consigliamo il primo metodo, che è più intuitivo, più veloce, e più facile da mettere in pratica anche da parte di chi non si intende molto di computer e sistemi operativi. Cogliamo l’occasione per ricordare che dovremmo sempre avere un cd di boot a disposizione.
Avviamo dunque il computer, e inseriamo il cd. Sullo schermo comparirà la scritta Welcome to Trinity: vuol dire che le cose stanno andando per il verso giusto. Ora dobbiamo fare riferimento al comando winpass –l, che illustrerà tutti i nomi utente del sistema. Il comando winpass –u, seguito dallo username per il quale vogliamo reimpostare la password, invece, permetterà di accedere a diverse opzioni. Prima di agire ricordiamoci di premere il tasto N quando ci verrà chiesto di disattivare il Syskey. Se abbiamo eseguito tutte queste operazioni, ora abbiamo tre opportunità, vale a dire trasformare l’utente che abbiamo scelto nell’amministratore di sistema, rimuovere la sua password o impostarne una nuova. Scegliamo quello che riteniamo più comodo e giusto per noi e quindi possiamo accedere ancora al nostro account Windows. E magari la prossima volta segniamoci la password da qualche parte.
In conclusione, vi consigliamo altri due metodi per provare a recuperare il vostro account. Il primo fa riferimento a Ophcrack: si può scaricare in live cd, e comprende i rainbow tables con gli hash delle password di Windows. In questo modo, insomma, possiamo recuperare la nostra password senza andare a danneggiare il server. Attraverso la verifica diretta degli hash, queste rainbow tables consentono di eseguire l’operazione in meno di dieci minuti. Ecco, quindi cosa fare: scarichiamo il live cd, lo masterizziamo, facciamo il boot dal cd e avviamo il tutto.
Un’altra soluzione è rappresentata da Login Recovery. Anche in questo caso contiamo su un live cd: esso prende il file di password dal computer e lo carica sul sito di Login Recovery. In meno di quarantotto ore, il sito ci fornirà la password: se invece siamo impazienti, potremo anche utilizzare il servizio a pagamento (pochi euro) che ci fornirà la risposta in maniera immediata.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>