Come recuperare con il partner

Ripristinare una relazione ? Ricordate che non sempre ne vale  la pena, anche se dipende da situazione e contesto.
Non ha senso, infatti, paragonare un matrimonio di anni, magari con figli, con una relazione nata da pochi mesi, anche se, in ogni caso, fare un tentativo non costa nulla.
Importante ricordare, però, sempre come non abbia senso pretendere di cambiare qualcuno, e, al di là di quanto non sia neppure corretto, nella maggior parte dei casi le persone non cambiano mai o comunque tornano ad essere quelle che sono.

 

Cosa fare quando la coppia è in crisi

Banale da dirlo, ma, quando si vive una relazione, il primo comandamento sarebbe quello di non andare a cercarsi i problemi, poichè nella vita arrivano già da soli, non scordandosi di vivere giorno per giorno gli istanti di gioia che l’amore ci offre.

Detto questo se una relazione va in crisi, o addirittura si rompe, spesso, ci sono sempre un milione di motivi alle spalle e pensare di  risolverli tutti è improbabile, mentre scendere a compromessi risulta talvolta squallido quanto inutile, rischiando solo di prolungare vanamente un’agonia. Meglio, allora, guardare in faccia i problemi e non illudersi di poterli ( la volontà da sola non basta) risolverli tutti in un istante, quando il menage si è logorato in anni.
Fondamentale, se si vuole riannodare i fili di un sentimento, è quello di essere disposti a lavorare con sè stessi; frugarsi dentro con onestà e, non potendo fare quello che deve fare il partner, limitarsi a fare il proprio compito, al meglio,
evitando di sfinisrsi in imutili polemiche e sterili accuse.

Non dimenticando mai di ricordare i momenti belli e di complicità con l’amato, altro consiglio assolutamente da sottovalutare è quello di dedicare attenzione alle esigenze dell’altro. Smettete di sentire ed iniziate ad ascoltare!
Sforzatevi di vivere il vostro partner come se fosse la prima volta, perdendo l’abitudine di dare le cose come scontate.
Naturalmente, se le cose sono più compromesse e vedere l’altro con continuità non è più possibile, le tattiche di una volta appaiono tra le poche armi possibili. Cioccolatini, un mazzo di rose o un messaggio dolce può rivelarsi salvifico, anche se badate a non esagerare. Insistere e insistere, infatti, può rivelarsi solo controproducente, meglio una silenziosa assenza piuttosto che una fastidiosa presenza.

Alla fine, però, può essere sempre utile, malgrado il sentimento che proviate, ricordare che le cose che devono andare, vanno. Se, soprattutto sin dall’inizio, una relazione fatica costantemente e tende a non crescere, forse, non è quella che fa per voi.
E, comunque, la fine di una storia, non va mai vissuta come una sconfitta, ma soltanto come una tappa della propria vita e un momento di crescita personale. Fa male, a volte fa soffrire parecchio, ma senza legami, non si può chiamare vita la vita.
Gli errori insegnano e fanno crescere, e si arriverà alla vecchiaia senza rimpianti, o rimorsi, con la consapevolezza di aver dato tutto per le cose in cui credavamo.

APPROFONDISCI LA GUIDA: Come recuperare con il partner

Crisi di coppia recuperare

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>