Recensione gioco da tavolo Monopoli

Si avvicinano le giornate di festa e dobbiamo tenerci pronti con i giochi da tavolo per trascorrere qualche ora in allegria di amici e parenti. Il gioco da tavolo più classico ed in assoluto il più divertente è il Monopoli. Si tratta di un gioco che ormai fa parte delle nostre case da anni, ma se dovete comprarlo tenete presente che ha un costo variabile a seconda delle numerose edizioni in commercio e va dai 25 euro circa ai 35. La versione che contiene anche le carte di credito, deluxe arriva a 60 euro! Esiste poi il monopoli da viaggio, piccolo per una cifra di poco più di 10 euro. Diciamo che di partenza ha un costo inferiore dell’altrettanto classico e stranoto gioco da tavolo che si contende con lui il primato del più amato di tutti i tempi: il Risiko, che parte da circa 30 euro. Per quanto mi riguarda quest’ultimo gioco non mi ha mai granchè affascinato perchè è incentrato su tattiche di guerra e invasioni militari. Il Monopoli, invece, si basa su una competizione tra i giocatori per guadagnare denaro, da investire nell’affitto e nella vendita di unità abitative. Quello che è fatto molto bene nel gioco, e che lo rende divertente è il fatto che durante la partita l’obiettivo sia costituito da una crescita del proprio capitale che parte dall’acquisto di terreni e arriva fino a quello delle case e poi alla costruzione degli alberghi. Quando gli altri giocatori, tirando i dadi, capitano nelle vostre proprietà sono costretti a pagarvi per soggiornare. Si gioca su un tabellone, e ciascun giocatore è munito di un segnalino di diverso colore e tirando i dadi ci si muove attraverso le caselle denominate con indicazioni stradali o di monumenti rese ormai celebri: Viale dei Giardini e Parco della Vittoria sono le zone più lussuose, Vicolo Stretto e Vicolo Corto quelle più malfamate. Ovviamente chi possiede le prime proprietà avrà la possibilità di ottenere una rendita più alta ogni qual volta un giocatore si fermerà sulle sue caselle. Scopo del gioco è mandare in bancarotta gli avversari. Chi rimane senza soldi può ipotecare le proprie proprietà. Il gioco è arricchito dalle carte degli imprevisti e delle probabilità. Negli angoli del tabellone vi sono delle caselle di “sosta”: se si finisce lì non si può fare nulla durante quel turno: si tratta dell’area di parcheggio o della prigione. Il gioco è assolutamente da consigliare, possiamo definirlo un intramontabile….non ci si annoia mai, ed è adatto a grandi e piccini. E’ in vendita sul mercato italiano sin dal 1935 e ne esistono anche delle versioni storiche del periodo fascista. Se anche siete degli esperti potete passare alle versioni nuove in commercio: il Monopoli di Star Wars, quello della Disney, quello della Ferrari, oppure quello con le Città d’Italia, oltre che l’aggiornamento Monopoli Euro. Può essere anche un’ottimo regalo per gli amici.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>