Come raddrizzare il ferro

In ogni abitazione sono presenti componenti in ferro: semplici abbellimenti, mobili da giardino,  particolari di porte e finestre, cancelli automatici.
La manutenzione di questo materiale, se eseguita correttamente, è duratura nel tempo e resistente agli agenti atmosferici.

Accade però che il ferro possa piegarsi a causa di urti accidentali o se sottoposto a sollecitazioni di peso o trazione troppo elevate.
Senza disperare, e prima di chiamare un professionista del settore, si può provare a sistemare l’ammaccatura o la piegatura da soli, basta solo un poco di manualità e gli accessori giusti.

Nel caso di un’ammaccatura, causata da un urto o da una botta accidentale, è possibile provare a ribatterlo nel senso contrario all’ammaccatura, delicatamente e aiutandosi con un martelletto, possibilmente in plastica dura.
Successivamente la parte sistemata andrà grattata con carta abrasiva e stuccata con l’apposito prodotto per ferro, dopo di che sarà possibile applicare un fondo antiruggine apposito, con un pennello, e una volta asciugato sarà sufficiente verniciare la parte trattata con una pittura dello stesso colore dell’intera superficie.
Questa è anche un’ottima occasione, nel caso tutta la parte in ferro sia danneggiata o logorata dal tempo, per eseguire una sistemazione completa di tutta la superficie. In questo caso, dopo la ribattuta e la stuccatura della parte danneggiata, sarà necessario eliminare la vernice da tutta la superficie, e procedere all’applicazione di un fondo antiruggine e della nuova pittura su tutta l’ampiezza del ferro.

Un’altra situazione potrebbe essere quella di dovere raddrizzare il ferro aperto o piegato, prendiamo come esempio pratico una sedia da esterno in ferro, dove potrebbero essersi piegate le gambe.
Questo è un caso un poco più complicato ma non impossibile.
Prima di tutto, è necessario procurarsi un apposito cannello a fiamma, tipo quelli per le saldature. Nel caso non si voglia acquistare, è possibile affittarlo in molti centri per il fai da te, oppure farselo prestare.
Mi raccomando di utilizzarlo con le apposite protezioni per le mani e per il viso, molto importanti per la sicurezza personale!
Con la fiamma al minimo, si andrà a scaldare leggermente la parte del ferro piegata, e con l’aiuto di un martello e delle pinze si andrà a raddrizzare la parte piegata. E’ importate non forzare troppo la mano, si procede a piccole zone, scaldando e raddrizzando un piccolo tratto per volta.
Una volta che la parte danneggiata è finalmente raddrizzata, si procede con la carta vetrata per eliminare le scaglie di pittura rimaste e le eventuali sbavature di ferro, poi si procede stendendo lo stucco per ferro, applicandolo, lasciandolo seccare, carteggiandolo per lisciarlo ed eventualmente applicandone ancora, fino a ottenere una superficie liscia e compatta. A questo punto è possibile procedere, come nel caso descritto in precedenza, con l’applicazione di un fondo antiruggine e poi con la successiva verniciatura.

Nel caso non siate abili con i lavori manuali, o non credete di essere capaci di effettuare queste operazioni, non esitate a chiamare un professionista, come il vostro fabbro di fiducia, che saprà risolvere il problema, senza che voi rischiate di causare danni maggiori.

piegare ferro

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>