Quali sono i migliori strumenti di cottura e le loro differenze

Prima di analizzare gli strumenti disponibili sul mercato occorre tenere presente i materiali che li compongono, in quanto ognuno di essi è indicato per un determinato tipo di cottura.
ACCIAIO INOSSIDABILE, adatto a quelle cosiddette ad immersione (per esempio cibi bolliti o affogati) ovvero quelle che permettono di cuocere i cibi attraverso il passaggio del calore dal liquido in cui viene immerso e non direttamente dal contenitore. L’ALLUMINIO invece è ideale per cotture leggere o per saltare/scottare i cibi. Esiste anche la versione ALLUMINIO ANTIADERENTE da utilizzare per cotture leggermente più lunghe come per la preparazione di brasati ed arrosti. Il RAME è considerato il migliore per quanto riguarda la conduzione e la distribuzione del calore, per questo motivo è l’ideale per cotture a fuoco lento o per la produzione di creme pasticcere o zucchero caramellato.
Il FERRO viene impiegato quasi esclusivamente per la realizzazione delle fritture.
Esaminiamo ora gli utensili. La PENTOLA è indubbiamente il più utilizzato, serve per le cotture ad immersione (come per esempio quella della pasta). Solitamente cilindrico, con due maniglie ed un coperchio. Realizzato con materiali dalla scarsa conducibilità termica in quanto il calore viene trasmesso dal liquido presente. Ideale anche per la preparazione di bolliti o minestre. La PADELLA è il secondo utensile più diffuso nelle nostre case; è un recipiente di metallo dalla forma tonda, provvisto di manico della lunghezza pari al diametro della padella stessa. Può essere realizzata in rame, in ferro ed in alluminio.
CASSERUOLA deriva dal termine greco che indicava la scodella. Ha forma cilindrica ed è dotata di un coperchio, un manico della lunghezza pari al diametro del fondo o un paio di maniglie. Solitamente i bordi sono poco alti. Esiste anche una versione dalla forma ovale. Si differenzia per la presenza di un coperchio massiccio, dotato di chiusura ermetica. Ha sempre e solo due maniglie. Entrambi le casseruole sono adatte per la preparazione di salse o creme, si prestano ottimamente alle cotture a lungo termine come brasati, stufati e bolliti.
TEGAME. Solitamente disponibile in due versioni: a due manici e rettangolare. La prima ha caratteristiche più o meno simili a quelle della padella, fatta esclusione la presenza appunto dei manici e per i bordi che possono essere bombati. Realizzata con materiali con alta conduzione del calore, si presta alla preparazione di cibi che richiedono una cottura lenta. Il Tegame Rettangolare ha invece i bordi alti e ad angolo retto, è fornita di due maniglie. Utilizzabile sia sui fornelli che in forno, viene solitamente impiegato per cotture in umido o che comunque richiedono un certo tempo.
TEGLIA DA FORNO. Un classico per le cotture in forno ed il migliore per quanto riguarda la distribuzione del calore. Solitamente realizzata in alluminio.
In ultimo abbiamo la PESCIERA, dalla tipica forma di ovale allungato, così realizzata per ospitare pesci di grandi dimensioni. Al suo interno ha una griglia di scolo per separare il cibo dai liquidi utilizzati per cuocere. E’ dotata di due maniglie ed di un coperchio a chiusura ermetica. Con questo strumento è possibile cucinare crostacei e pesci di qualsiasi tipo, sia tramite bollitura che al vapore.

quali-sono-i-migliori-strumenti-di-cottura-e-le-loro-differenze

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>