Quali sono i cibi ricchi di acido folico vitamina B9

L’acido folico è l’acido pteroilglutammico, presente nel fegato dei mammiferi.
L’acido folico è una vitamina antianemica del gruppo B, che si usa nella terapia di alcune anemie macrocitiche.

La vitamina B9 è una sostanza vitaminica estratta per la prima volta da Mitchell nel 1941 dalle foglie di spinacio, identificata in seguito con l’acido pteroilglutammico; è nota anche come vitamina M o fattore U; la sua forma attiva è il fattore citrovorum o acido folinico o folacina.

Metabolismo.
Sotto forma di acido pteroilmonoglutammico, questa vitamina è presente solo nel fegato e nei lieviti; con l’aspetto di vari acidi folici coniugati, aventi azione vitaminica assai simile a quella dell’acido folico isolato è invece assai diffuso in natura ( lieviti, funghi, vegetali verdi, latte).
I batteri presenti nella flora intestinale sintetizzano acido folico in notevole quantità, quasi certamente in misura sufficiente ai bisogni dell’organismo che lo utilizza.

Attività.
Nei vari processi metabolici è praticamente impossibile distinguere l’azione dell’acido folico da quella della vitamina B12, soprattutto nella sintesi degli acidi nucleici e delle nucleoproteine.
L’acido folico e i suoi derivati controllano inoltre i processi di trasformazione della glicina, delle purine e delle pirimidine.
Sono fattori importanti nella crescita e nella riproduzione, in quanto essenziali per la moltiplicazione cellulare , e intervengono sul ciclo femminile, svolgendo altresì una funzione indispensabile in gravidanza.
Sembra anche che l’acido folico abbia un ruolo importante al momento della differenziazione del sistema nervoso primitivo nell’embione.
L’acido folico e la biotina sono poi necessari per l’utilizzazione dell’acido pantotenico da parte dell’organismo.

Avitaminosi B9.
Una carenza di acido folico, che può essere indotta da un’insufficiente sintesi intestinale, da uno scarso assorbimento o da una mancata utilizzazione , determina un’anemia megaloblastica; se si associa a un deficit di vitamina B12 provoca l’anemia perniciosa.

Fonti alimentari
L’acido folico, non essendo prodotto dall’organismo, deve essere assunto con il cibo e dalla flora batterica intestinale, per cui consiglio di assumerlo tramite il consumo di alimenti che lo contengono, poiché il fabbisogno quotidiano in condizioni normali è di circa 0,2 mg.
L’acido folico si trova abbondantemente in alcuni alimenti :
*verdure a foglia verde (asparagi, broccoli, spinaci, lattuga)
* arance ed anche nel succo concentrato di arancia
* legumi
* cereali
* frutta come limoni, kiwi e fragole
* fegato
C’è uno svantaggio: il processo di cottura distrugge la maggior parte di folato presente nei cibi.

Io cerco di avere una dieta variata che comprenda tutti i suddetti alimenti per essre sicura di assumere la vitamina B9.
Inoltre il medico mi ha prescritto un integratore alimentare a base di acido folico da assumere tre volte la settimana per evitare l’anemia.

quali-sono-i-cibi-ricchi-di-acido-folico-vitamina-b9

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>