Come pulire posate d’argento antiche

Non lasciate le vecchie posate d’argento usurate dentro il cassetto, con qualche accorgimento potrete riportarle all’antico splendore! L’argento ha bisogno di cura nella pulizia, perché a contatto con l’ossigeno si ossida e perde la sua lucentezza.
E’ necessario anche trattarlo in modo diverso dall’acciaio delle normali posate: non vanno infatti messe in lavastoviglie per via delle alte temperature che lo aggrediscono. Per curare le nostre posate è necessario ripetere la pulizia ogni sei mesi, soprattutto se non vengono usate spesso. Prima di tutto occorre togliere ogni traccia di polvere con uno strofinaccio, e fare un primo lavaggio delicato con acqua demineralizzata e sapone.

In commercio i prodotti per lucidare questo materiale sono liquidi chimici appositi, che si distribuiscono uniformemente con un batuffolo di cotone sulla superficie da lucidare, lasciando dopo asciugare, quindi si strofina con un panno morbido. Successivamente si lava l’oggetto con acqua e sapone e si risciacqua sotto acqua corrente per eliminare i residui di prodotto.
Il metodo fatto in casa consiste in un bagno di 10 parti di acqua e una parte di acido solforico (ricordate di maneggiarlo con cautela poiché molto pericoloso): si immergono gli oggetti finché la patina annerita che li ricopre non sia scomparsa, quindi si lavano con acqua e sapone e si risciacquano più volte, per poi asciugarli con un panno di daino. Ricordate di tenere sempre dei guanti di gomma per tutte le operazioni.

Se ancora rimangono parti ossidate è possibile utilizzare dell’acetone puro spennellandolo sulle posate con movimenti rotatori ed esercitando una certa pressione, in modo da assicurarsi che il prodotto raggiunga ogni punto della superficie.
Se lo sporco è resistente si può distribuire anche dell’ammoniaca (nello stesso modo dell’acetone), che riesce a rimuovere anche le leggere ossidazioni. Poi si lascia riposare per qualche minuto, e infine si possono lucidare le posate con un buon prodotto per la pulizia dell’argento. Per il lavaggio normale la saponetta di Marsiglia aiuta molto a togliere l’eventuale sporco.
Un panno morbido di lana o cotone è poi l’ideale per asciugare e trattare nel modo più delicato possibile i nostri oggetti d’argento, oltre che per conservarli rallentandone l’ossidatura nel tempo.

posate argento 1

1 comment

Leave Comment
  1. ely

    Salve, non so se è il posto adatto per fare questa domanda, ma sulle posate di mia nonna (non so neppure di che materiale siano) ho notato due marchi differenti.
    Il primo B*T…tra le due lettere c’è in alto una stella e sotto un punto…
    L’altro è strano…SG oppure 56 con delle scritte attorno che purtroppo nn si riesce più a leggere visto che sono anni che vengono usate…
    Potete aiutarmi? Grazie, la mia è solo curiosità, innata curiosità. Buona serata

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>