Come pulire l’urina su un materasso

State già provvedendo a fare le pulizie di primavera e non sapete come fare per dare una ripulita al vostro materasso? Ebbene, leggete qui di seguito e vi renderete conto che la pulizia di un materasso è un'operazione piuttosto semplice e non richiede molta fatica.
Innanzitutto è bene precisare che comunque tutta la camera da letto deve essere pulita e spolverata per evitare che vi si accumuli sporcizia che nei peggiori dei casi potrebbe causare anche la comparsa di pruriti ed allergie fastidiose.
In questo scritto però ci concentriamo sul metodo da seguire per togliere dal materasso prima di tutto quelle antipatiche macchie d'urina maleodoranti che possono presentare, soprattutto i materassi dei nostri bambini.
Chi infatti ha dei bambini piccoli sa bene che, nonostante tutte le precauzioni che si adottano per evitare che questi bagnino il letto, può capitare di svegliarli la mattina e trovarli nel letto a dormire sulle lenzuola e il materasso bagnato.
Ricordate che però i bambini che bagnano il letto non lo fanno perché sono pigri o capricciosi e che comunque questo succede soprattutto a quelli piccoli e prima dell'età scolare, anche se certe volte l' "incidente" può capitare anche ai bambini di qualche anno più grandi. E che in ogni caso non si deve punire il piccolo perché fa la pipì a letto perché questo è un comportamento che lui non può controllare, pertanto non lo si deve colpevolizzare.
E poi non disperate perché a tutto c'è rimedio. Bisognerà però intervenire tempestivamente e quando l'urina è ancora fresca, in questo modo la macchia sarà più facile da rimuovere. Infatti, basterà sfregare la parte interessata del materasso con una pezza inumidita di acqua e sapone fino a quando la macchia non si sarà tolta. Poi si passerà a sciacquarla con un'altra pezza e si metterà ad asciugare il materasso. Sarebbe opportuno andarlo a collocare all'aria aperta ma in mancanza di luoghi adatti dove spostarlo, andrà bene preoccuparsi di asciugarlo anche con il phon.
Per la pulizia delle macchie d'urina c'è però pure chi consiglia una procedura con ingredienti naturali e che tuttavia comporta tempi e passaggi più lunghi. Vediamoli insieme.
In questo caso difatti, si procederà a tamponare la macchia d'urina con dell'aceto bianco, al quale può essere aggiunto del limone e in parti uguali. Dopo aver fatto trascorrere mezz'ora di tempo bisognerà tamponare la macchia con una pezza imbevuta di acqua ed alcol, sempre in uguale quantità, per poi risciacquare il materasso con un'altra pezza inumidita con acqua e bicarbonato. A questo punto non vi rimarrà altro che mettere ad asciugare il vostro materasso. Ripetete l'operazione nell'eventualità che l'odore non si sia tolto.
Per eliminare invece le macchie secche di urina, basterà passarvi sopra una prima pezza inumidita di acqua e sapone e in un secondo momento una seconda pezza bagnata con acqua e acqua ossigenata, nella proporzione di 3 cucchiai di acqua e 1 di acqua ossigenata.
Per togliere via l'odore sgradevole si potrà procedere tamponando la zona interessata del materasso con qualche goccia di lozione deodorante, anche se di solito questo andrà via una volta che si sarà esposto il materasso fuori, ad asciugare all'aria aperta.

mate

2 comments

Leave Comment
  1. Non tutti sanno che i materassi si possono lavare completamente, fodere e imbottiture in tutta la sezione.
    Esistono dei macchinari professionali per questo. Il sistema ad iniezione/estrazione consente di smacchiare le fodere ed estrarre tutte le impurità, gli acari e i batteri dalle imbottiture.
    Questo è il mio lavoro e, ogni giorno, incontro persone che non sono o non erano al corrente della possibilità di lavare i materassi e che, in passato, hanno speso grosse cifre per sostituirli.
    Con una spesa minima si può evitare di buttare il materasso e di spendere grosse cifre per acquistarne di nuovi. Sui motori di ricerca potete trovare, anche nella vostra città, chi vi aiuterà lavando i vostri materassi in maniera professionale con prezzi di buon senso.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>