Come pulire le zanzariere

Cosa bisogna fare per pulire le zanzariere? Come prima cosa abbiamo bisogno di una spugnetta piuttosto delicata e di uno sgrassatore spray. È utile sottolineare che le zanzariere rappresentano un oggetto alquanto delicato, a maggior ragione se si tratta di zanzariere scorrevoli: per questo motivo, vanno pulite con la massima cura e attenzione. Ciò significa, in poche parole, non aggredirle in maniera eccessiva ricorrendo a spugne molto dure, oppure strofinandole per pulire con troppo impeto. Facendo così, infatti, si rischia che la zanzariera esca dai binari, e il risultato sarà un danno praticamente non riparabile. Vediamo, dunque, cosa è opportuno fare, e quali sono, invece, gli accorgimenti che sarebbe meglio evitare per non causare danni. Muniamoci per prima cosa di uno sgrassatore spray piuttosto forte: nel caso in cui ne avessimo un in flacone, dobbiamo in ogni caso trasferirlo in uno spruzzino, per avere assicurato l’effetto spray. Quindi arriva il momento di agire: caliamo completamente la zanzariera, e spruzziamo lo spray, in quantità non limitata, sull’intera superficie, per fare sì che i grassi inizino a sciogliersi. In seguito, inzuppiamo la spugnetta in una bacinella di acqua pulita, e quindi la passiamo con più delicatezza possibile sulla zanzariera, effettuando movimenti leggeri, e strofinando senza troppa forza. Quindi sciacquiamo la spugnetta, e continuiamo fino a quando non avremo pulito tutta la superficie. Al termine del lavoro, potremo notare, come la zanzariera abbia assunto un altro aspetto, e l’aria riesce a passare di nuovo con maggiore facilità. Le zanzariere, è bene ricordarlo, devono essere spolverate almeno una volta a settimana. Siano esse a battenti, fisse, orizzontali o verticali, necessitano, infatti, di una pulizia periodica, che risulta importante sia per evitare eventuali reazioni allergiche ai pollini o alla polvere, sia per non dover pulire i vetri continuamente: vetri che senza dubbio in caso di pioggia si sporcano in maniera sgradevole. Detto, dunque, della necessità di togliere la polvere con una certa frequenza, risulta importante mettere in evidenza che almeno una volta al mese le zanzariere vanno lavate con bicarbonato e acqua tiepida. Dopo averle spazzolato con spazzole dotate di setole lunghe e morbide, con uno straccio umido andiamo a rimuovere lo sporco, e quindi risciacquiamo con un panno in microfibra. Come si può notare, l’operazione di pulizia di una zanzariera, se fatta con la giusta competenza e con la strumentazione adatta, non è per nulla difficile, e rappresenta un impegno periodico che porta via solo pochi minuti: un impegno fondamentale, tuttavia, tanto per assicurare la completa funzionalità della zanzariera stessa, tanto per evitare che la polvere e altri tipi di sporco si depositino e quindi vadano a compromettere l’igiene della stanza. L’unico accorgimento, come abbiamo già avuto modo di mettere in evidenza, è che bisogna adottare la massima delicatezza e non eccedere nella forza: in caso contrario, si rischia di rompere la zanzariera o comunque provocare danni difficilmente rimediabili, e la zanzariera perderebbe tutta la sua funzionalità ed efficacia.

zanza

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>