Come proteggere la propria rete wi fi

Ultimamente vi sarà capitato di notare il proliferarsi di applicazioni o programmini per pc/mac che permettono di decifrare il codice di accesso (una specie di password inserita dai produttori) dei router in modo da permettere a chiunque di accedere alle vostre reti, apparentemente protette.

Il fatto è che i router marchiati (es. alice, fastweb e cosi via) hanno questi codici produttore, che dovrebbe essere segreti o comunque di difficile individuazione. I programmi sopracitati sono in grado di decifrarli e di entrare su internet (o nel vostro pc di casa) senza troppi problemi e spesso in modo assolutamente invisibile. Ovviamente per fare questo c’è bisogno di un utente mediamente esperto, anche se con la semplificazione di questi programmi e l’aumento di dispositivi in grado di avviarli, il problema sta diventando sempre più grave.

Le soluzioni che si possono adottare per proteggersi sono diverse:
– Per prima cosa occorre cambiare il livello di protezione (in genere di base è settata una protezione WEP, non molto resistente contro le intrusioni, o addirittura non è impostata alcuna protezione!). Un consiglio sarebbe quello di leggere il manuale del router, o cercare nei forum l’indirizzo i.p. tramite il quale si riesca ad entrare nelle impostazioni del modem e settare come protezione almeno WPKA, assieme a una password abbastanza fantasiosa (non nomi o date di nascita) che unisca lettere a numeri e simboli. Inserite punti di domanda, esclamativi, numeri diversi, evitate le cose scontata. Questa è una regola che conta per qualsiasi tipo di scelta password, ma che si rivela efficace.
Per completare la protezione, bisogna cambiare il nome della nostra linea wifi: se prima era alice-xxxxxxx (le x stanno per dei numeri di serie), voi cambiate il nome come vi pare (ad esempio, wifi-casa o rete-andrea, a vostra discrezione). Un consiglio è di scrivere un nome abbastanza lungo, 2 o 3 parole diciamo.
Già a questo punto i programmini di cui si è parlato in precedenza, diventano inutili perchè non riusciranno

– Una volta protetta in questo modo la rete diventa più affidabile, però ci sono altri metodi per diminuire le connessioni estranee: controllate spesso il led del wifi sul router. Se non siete connessi voi e il led lampeggia, vuol dire che qualcuno si sta connettendo alla vostra rete. In tal caso spegnete il modem e accendetelo solo in caso di necessità.

– Un ultimo modo è lavorare con i firewall anche se bisogna stare attenti ai permessi in quanto potreste avere problemi voi stessi ad accedere alla vostra linea. Altrimenti bisognerebbe creare certificati di accesso personalizzati, ma è un processo per utenti esperti e richiede comunque una certa dose di tempo. Spesso poi windows ha problemi ad accettare i certificati ed è una soluzione da adottare solo in caso vogliate proteggere una rete aziendale.

wefi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>