Come preservare le uova fresche

Andiamo a scoprire alcuni accorgimenti da seguire per conservare e preservare al meglio le uova fresche. Se, infatti, la scelta delle uova migliori e più fresche è molto importante al momento dell’’acquisto, è altrettanto vero che bisogna essere in grado di conservarle nel miglior modo possibile. Ecco, quindi, alcuni suggerimenti alquanto utili. Innanzitutto, le uova se vengono messe in frigo devono essere posizionate distanti da fonti di odori e in generale da alimenti il cui odore è particolarmente intenso. In generale, le uova vanno conservate in un luogo fresco in cui la temperatura non sia superiore agli otto gradi. Esse devono essere collocate con la punta rivolta verso il basso: tale accorgimento impedisce che con il passare dei giorni vada a ingrandirsi la bolla d’aria presente nell’albume. In frigo, le uova vanno messere negli appositi scomparsi, specialmente quelli che hanno lo sportellino che si può aprire e chiudere. In alternativa, non c’è nessun problema nel lasciarle all’interno della confezione di acquisto, che garantisce il giusto isolamento e ripara le uova nella maniera migliore. Bastano questi pochi accorgimenti per conservare alla perfezione le uova, fino al tempo indicato sulla confezione. Ricordiamoci sempre di aprire le uova in un bicchiere o in un piatto prima di cucinarle, versarle in padella o unirle ad altri ingredienti. Grazie a questo semplicissimo espediente sarà possibile verificare se c’è qualche problema, qual è il loro stato di conversazione e se eventualmente sia necessario buttarle. Infatti, potrebbe essere successo che l’uovo abbia subito uno sbalzo di temperatura e dunque non possa più essere usato. Un altro consiglio è quello di evitare di posizionare l’uovo in acqua bollente se è appena stato tolto dal frigo, proprio per evitare che lo sbalzo di temperatura provochi un’incrinatura del guscio. Nel caso in cui, comunque, il guscio si incrini lo stesso, basta aggiungere all’acqua di cottura un cucchiaino di aceto e l’uovo non uscirà. Concludiamo segnalando che la vendita delle uova è sottoposta a una rigida regolamentazione, basata su direttive italiane e dell’Unione Europea. Ciò significa che la verifica della qualità di un uovo dipende da una lettura attenta dell’etichetta, visto che su di essa sono indicate tutte le informazioni fondamentali, quali la data di scadenza, o per meglio dire la data di consumo preferibile, che per le uova fresche è rappresentata dal ventottesimo giorno dalla deposizione, il numero di uova confezionate, le categorie di peso e qualità, il marchio commerciale del centro di imballaggio e i consigli per una corretta conservazione. Tra le altre informazioni che è possibile trovare sull’etichetta, ma che sono facoltative, segnaliamo il tipo di alimentazione ricevuta dalla gallina (per esempio se si tratta di una dieta prettamente vegetale), il sistema di allevamento (se effettuato con metodo biologico o a terra), la data di deposizione e l’indicazione dell’utilizzo migliore dell’uovo. Per verificare se un uovo è fresco, è sufficiente aggiungerlo in acqua salata: se si dispone in maniera orizzontale è fresco, se invece rimane a galleggiare sarà meglio non utilizzarlo e buttarlo in quanto molto vecchio.

uova

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>