Come prepararsi per la chemioterapia

Questo è uno di qui argomenti talmente delicati che non si possono tracciare delle regole, ma si possono dare dei consigli mirati affinché la persona che deve fare un trattamento di chemioterapia o i parenti e amici che sostengono un paziente in fase di trattamento possono seguire questi consigli.
Di per se la malattia è devastante primariamente a livello psicologico, tanto da vedere tutto nero nella propria vita o anche nella perdita della voglia di vivere.
Il tumore spaventa e per quando una persona si voglia preparare mentalmente non è mai sufficiente.
Fare una chemioterapia porta a un cambiamento fisiologico e psicologico del paziente che nella maggioranza dei casi per quanto si voglia essere positivi o solari porta a un spegnimento dell’animo.
Ci sono molte problematiche che bisogna affrontare durante un ciclo di chemioterapia.
Per esempio la perdita dei capelli, un altro aspetto è la nausea, il vomito, la diarrea, anemia, debolezza fisica, diminuzione dei globuli bianchi e piastrine, depressione e altri disturbi minori.
Ci sono diverse forme di tumori e ognuna di queste ha un tipo di chemioterapia adatta al tumore, non si può generalizzare ma una cosa certa è quello che il paziente che deve fare il trattamento ha bisogno di sostegno sia a livello psicologico che a livello fisico.
Non bisogna disperare poiché il termine chemioterapia dovrebbe far riflettere il paziente che è una via per la cura e non la via per un lungo tragitto che porta verso lo spegnimento del corpo.
I farmaci chemioterapici sono veleno per le cellule tumorali ma allo stesso tempo sono letali anche per il resto delle cellule e pertanto è assolutamente normale che anche il resto del corpo senta questo attacco farmacologico.
Alcuni consigli pratici sono:
1) Consideriamo la chemioterapia come una cura e non come qualcosa di nocivo.
2) Un altro aspetto è quello che non dobbiamo portare il carico da soli e pertanto scrivere le proprie sensazioni o paure in un diario può aiutarci come può aiutarci ne gettare le nostre ansietà e le nostre paure sulle persone a cui teniamo di più poiché sono coloro che possono dare conforto al momento giusto.
3) Se abbiamo dubbi non dobbiamo ascoltare tutto e tutti ma chiediamo informazioni a persone specializzate come per esempio medici o consultori che si occupano di questo, in ogni città ci sono questi consultori.
4) Se teniamo ai capelli e ci preoccupa il fatto che possono cadere seguiamo delle regole essenziali tipo quello di non lavare i capelli dopo il trattamento per almeno 8 o 10 giorni, non usiamo shampoo grasso ma uno shampoo delicato e poco aggressivo, tamponiamo con cura i capelli e facciamoli asciugare all’aria senza usare asciuga capelli.

Queste cose che vi sto consigliando le ho vissute in prima persona e se sono qui a raccontarle questo dimostra che essere positivi aiuta.
Io ho scaricato tutte le mie paure e le mie ansie su mia moglie che mi ha sostenuto e mi ha confortato.
Quando cera da piangere piangeva con me e quando bisognava farsi forza lei era sempre in prima linea, non ignoriamo la forza e l’aiuto degli altri poiché non siamo soli e non lo saremmo mai anche un semplice infermiere può essere l’amico che ci serve in questa situazione.
Gli svantaggi della chemioterapia sono moltissimi, ma non siamo soli.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>