Come prendersi cura del Lorichetto

l Lorichetto è un animaletto molto simpatico e anche molto bello da vedere. Si tratta di un piccolo pappagallo proveniente dall’ Australia e dall’ Asia dove poi è diffusissimo in libertà e rappresenta una delle specie più singolari dei paesi in questione.
In Italia il Lorichetto è divenuto un animale da tenere in gabbia, anche se non è ovviamente quello il suo habitat migliore: spesso però si tratta di specie che si sono già riprodotte in cattività e che quindi non conoscono per niente cosa voglia significare la libertà.
Ad ogni modo prendersi cura di un Lorichetto è una cosa non particolarmente difficile, considerando il fato che vivere in gabbia non è il massimo del comfort. Innanzitutto bisogna sapere che se si adotta un animale in gabbia è sempre meglio che ne prendiate almeno un paio: in questo modo almeno avranno un po’ di compagnia. Acquistate anche una gabbia delle giuste dimensioni: gabbie – lager lasciamole a marcire nei negozi. Vi occorrerà poi una abbeveratoio particolare per gli uccelli di quelli tipo silos in miniatura e le apposite vaschettine per il mangime. Se la gabbia non è corredata da asticelle da appoggio e da altalene, provvedete voi a comprane qualcuna della giusta misura.
Per quanto riguarda il cibo, nelle uccellerie troverete tutto il necessario per il vostro Lorichetto: semi di girasole e mangime in scatola specifico fa al caso vostro, ma non dimenticate di fargli mancare mai frutta fresca ed insalata di cui sono veramente molto ghiotti, soprattutto uva, pere e mele .
Per quanto riguarda l’ acquisto in negozio , diffidate dai negozianti che non vi danno certezze circa la provenienza dell’ animale: potrebbe essere un animale importato in modo illegale e sicuramente non sano ed adeguato per l’ animale stesso. Per quanto riguarda invece i costi, in genere un Lorichetto costa dai 30 ai 50 euro, ma molto dipende dal negozio al quale vi rivolgete. Una bella gabbia capiente costa in media sui 20 – 25 euro , mentre il mangime di solito non oltrepassa i 5 euro per una scatola di medie dimensioni.
Il Lorichetto ha però bisogno di cure anche mediche ( come tutti gli animali ) quindi è bene, dopo l’ acquisto, portarlo subito dal veterinario che provvederà a visitare l’ animale, stabilirne lo stato di salute ed effettuare controlli vari circa malattie ” tropicali ” che può portare con sè e che possono, in alcuni casi, essere contagiose anche per l’ uomo. Una cosa che richiede spesso attenzione per il Lorichetto, è il taglio del becco: in libertà l’ animale avrebbe la possibilità autonoma di potersi ” ridurre ” il becco con meccanismi naturali , ma in gabbia , il becco cresce ricurvo e può essere molto pericoloso per l’ animale stesso. Cercate quindi un veterinario esperto di uccelli del genere e informatevi presso questi quando e quante volte è necessario nell’ arco dell’ anno far tagliare o ” limare ” il becco al nostro amico pennuto.

lori

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>