Come ottimizzare gli spazi della valigia

Non importa la destinazione, la durata del viaggio o il mezzo di trasporto. Fare la valigia è una delle più grandi seccature per chi si appresta a partire. Un vero e proprio impegno da non prendere sottogamba, ma da svolgere nel migliore dei modi. Seguire una serie di accortezze consente di ottimizzare al meglio lo spazio disponibile, riuscendo a mettere in valigia quante più cose possibile.

Il primo suggerimento riguarda la scelta della valigia che deve essere di medie dimensioni e dotata di ruote, per avere un bagaglio poco pesante e facile da trasportare. Deve anche essere rigida per preservare da urti gli oggetti ed i vestiti presenti al suo interno.
E’ importante pensare a quello che ci servirà una volta giunti a destinazione, per portare con noi la giusta quantità di vestiario. La tentazione di svuotare l’armadio è sempre presente, con il conseguente rischio di caricarci di un peso eccessivo che quasi sicuramente non sfrutteremo.

Stabiliti questi due punti non resta che dare inizio alla preparazione del bagaglio, seguendo un sistema a strati che servirà ad ottimizzare lo spazio disponibile.
Le scarpe, conservate in appositi sacchetti o in buste di plastica, costituiranno il fondo assieme ad eventuali contenitori di creme, beautycase, rasoi elettrici o libri. E’ buona norma sistemare gli oggetti più pesanti nel lato opposto rispetto alla maniglia, perché una volta presa la valigia si potrebbero spostare finendo sui vestiti, sgualcendoli. Gli eventuali spazi vuoti si potranno riempire con calzini e mutande opportunamente ripiegati.

La sistemazione vera e propria dei vestiti parte da questo momento, con pantaloni e gonne a fare da primo strato mentre le T-shirt vanno messe subito sopra. Un piccolo trucco consente di conservarle senza che si stropiccino, arrotolandole prima di riporle nella valigia.
Su di esse si dovranno adagiare camicie e giacche, rigorosamente abbottonate e con i colletti chiusi. Questi ultimi posso essere utilizzati per contenere collant o biancheria intima particolarmente delicata, basta piegarli prima a metà per poi arrotolarli dall’alto verso il basso.
Per ultimo andranno riposti in valigia maglioni e felpe, assieme ai capi delicati come le camicie di seta. Le cinture non vanno mai arrotolate, ma adagiate lungo i bordi della valigia.

Il nostro bagaglio è ora pronto per partire.

 

valigia

1 comment

Leave Comment
  1. giusto ieri pomeriggio mia fgilia faceva la stessa cosa (e io a distanza di sicurezza). Si avvicina a me una signora e dice : non si puo’ lasciar fare cosi ai bambini poi si ammalano poi le loro mamme si lamentano che stanno male e non e’ piu’ finita. Io con un bel sorriso le ho risposto di star tranquilla la mamma ero io e se a mia fgilia fosse venuto il raffreddore non l’avrei cercata per chiederle di curarmela!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>