Nuova tecnologia per pazienti con cancro mammario

Il cancro mammario rappresenta la patologia che arreca i maggiori danni a questo organo .
Essi , a seconda della parte interessata , possono essere macroscopici o microscopici .
Questo tumore può essere benigno o maligno .
Sebbene sia estremamente raro il tumore mammario può colpire anche l’uomo .
Prima di continuare a parlare di questa patologia è opportuno fare un passo indietro per capire meglio come funziona questa ghiandola .
Una ghiandola mammaria è in realtà un conglomerato di ghiandole più o meno piccole .
Le ghiandole sono chiamate lobuli che unendosi formano il lobo .
Si conta che in un seno siano presenti fino a venti lobi .
In quest’ottica bisogna parlare in modo più approfondito di questa malattia .
Il tumore al seno ha origine in alcune cellule impazzite presenti , quasi sempre nei lobuli dei dotti , che staccandosi dal tessuto invadono quelli circostanti diffondendo , così , la malattia .
Normalmente questa malattia viene combattuta con una terapia chemioterapica che viene affiancata , solo in casi eccezionali , alla chirurgia selettiva .
Queste tecniche però portano gravose conseguenze a coloro che adoperano queste tecniche . Si parla , infatti , di menomazioni più o meno diffuse per ciò che concerne la chirurgia .
Per la terapia chemioterapica , invece , le ripercussioni sono prettamente di natura psicologiche in quanto provoca malessere diffuso ed alopecia .
In ogni caso bisogna tenere presente che il casco refrigerante è sempre un’ottima soluzione per ovviare al problema della caduta dei capelli .
Anche se ancora in via sperimentale , un nuovo farmaco che sta dando delle ottime speranze è l’anastrozolo in alternativa del tamoxifene .
Alcuni tipi di tumori alla mammella sviluppano una dipendenza dagli ormoni per crescere e proliferare . In particolar modo agli estrogeni .
L’anastrozolo , essendo un farmaco capace di interferire sulla produzione ormonale , tende , in questo modo , a bloccare la crescita di questo tipo di tumore senza i nefasti effetti collaterali tipici della terapia .
Anche la radioterapia sta per essere rivoluzionata in maniera abbastanza sostanziale . Infatti sarà , a breve , sperimentata la cosiddetta radioterapia rinforzata . Questa terapia ha la particolarità di combinare le radiazioni con farmaci che stimolano la creazione di globuli bianchi al fine di scongiurare la recidiva .
Bisogna sempre agire , in caso di tumore , precocemente per non fare sviluppare la patologia .

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>