Come muoversi in Cina

Dati geografici

Il solo pensare alla Repubblica Popolare Cinese, comunemente Cina, suggerisce l’idea di qualcosa di immenso, perché una nazione di quasi 10 milioni di chilometri quadrati, con una popolazione di un miliardo e 300 milioni di anime (20% di tutta la popolazione mondiale) lascia decisamente sbalorditi.
Nel nostro secolo poi la Cina ha conquistato di diritto il ruolo di seconda potenza economica, diventando il Paese che può vantare di conseguire uno sviluppo senza precedenti per velocità e questo sia per merci in entrata che in uscita.
Di fronte al martellamento quotidiano del “Made in China” presente ovunque nel mondo, avanza anche la voglia vedere tale situazione di vita.

Qua e là per la Cina

Evidentemente muoversi in Cina significa affrontare distanze enormi, per cui muoversi in auto non è proprio indicato, anche perché l’arrivo in Asia avverrà sicuramente in aereo.

Una volta sbarcati, le alternative per muoversi variano e dipendono anche da come si vuole affrontare la conoscenza della nazione, dalle possibilità economiche, dal tempo di permanenza, dalle proprie inclinazioni…

In aereo:
Chi non deve stare a lungo può utilizzare l’aereo.
L’organizzazione dei voli per l’interno è buona (si può raggiungere qualsiasi zona del Paese) ed è sotto il controllo di una linea nazionale, la Civil Aviation Administration of China.
Per servirsene bisogna sempre pagare una tassa d’imbarco, ma sono previsti anche sconti notevoli per studenti, insegnanti, anziani.

In autobus
Anche in autobus è possibile far lunghi spostamenti e le linee sono sicure e affidabili, anche perché usufruiscono di percorsi in cui le strade sono in buone condizioni.

In treno
Un buon modo per muoversi e viaggiare in Cina è dato dal treno che può risultare interessante, soprattutto se si considera il viaggio in una nazione come l’opportunità per conoscere usi e costumi del popolo.
I treni cinesi hanno fama di essere piuttosto affollati, ma rimangono tuttavia un mezzo decisamente economico e di facile utilizzo per muoversi, anche per percorsi abbastanza lunghi, durante i quali è possibile godere di paesaggi non facilmente riscontrabili altrove.
I treni variano per condizioni da una posto all’altro e per i viaggi più lunghi si può prenotare una cuccetta e vi sono anche quelli ad alta velocità, come per il percorso Pechino – Shanghai (10 ore di percorrenza) o un altro Pechino – Xian (14 0re di percorrenza) ove si trova l’Esercito di Terracotta.

In nave
Pur con la presenza dei trasporti terrestri, è sempre possibile utilizzare il servizio navale che collega Hong Kong con le principali località.
C’è anche un trasporto fluviale che in tre giorni porta da Chongqing a Wuhan utilizzando il fiume Yangzi.

A parte i lunghi tragitti tra una località e l’altra, nelle città c’è generalmente un buon servizio di autobus, spesso molto affollati purtroppo.
Naturalmente sono presenti anche i taxi, ma bisogna stare attenti a concordare prima il costo della corsa, in quanto non è raro che siano sprovvisti di tassametro.
Consigliabili invece sono i moto-taxi, i tricicli a motore e i risciò , decisamente più economici e indicati per assaporare le novità.

Prezzo: impossibile definirlo “prima”

Svantaggi: nessuno per chi ama viaggiare

Vantaggi: conoscere e sperimentare un mondo diverso

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>