Come mantenere un prato sano in estate

Chi ha il privilegio di possedere un giardino dove prendersi cura delle piante preferite, rilassarsi e fare attività all’aria aperta, sa bene quanto sia importante trovarvi anche un angolo per farvi crescere un prato. E allo stesso tempo sa quante cure occorrono per mantenerlo sano. Un bel prato, verde e rigoglioso, e non soltanto ordinato e funzionale, di fatto è l’orgoglio di ogni giardino. E soprattutto nei mesi estivi, quando le giornate diventano afose, vi si dovrà dedicare più tempo e prestargli le cure appropriate. Questo però richiede non solo passione ma anche fatica ed impegno in tutto l’arco dell’anno, e non soltanto durante l’estate. Però col tempo verrete ripagati dalle fatiche e soddisfatti dei risultati ottenuti. Cominciamo col dire che il prato ha bisogno di una manutenzione costante e di essere tagliato almeno una volta a settimana, soprattutto durante le stagioni della primavera, dell’estate e dell’autunno, quando la crescita avviene in maniera rigogliosa. In commercio esiste il tipo di rasaerba per il taglio classico e quello che consente un taglio più preciso, e starà a voi scegliere quello che si adatta di più al vostro prato e alle vostre esigenze. L’importante è lasciare, alla fine dei lavori, l’erba sminuzzata sul prato perché questa è un ottimo fertilizzante per l’erba stessa. Ricordate anche che rasandolo frequentemente otterrete un prato folto, sano e rigoglioso. Oltre a provvedere a ciò si dovrà fare attenzione anche a togliere il muschio ed il feltro che si accumula sul manto erboso e ad arieggiare il prato in modo che sia l’acqua che la luce possano raggiungere le radici dell’erba. In primavera dunque non fatevi cogliere impreparati e cominciate a lavorare sul vostro prato cominciando col procurarvi gli strumenti giusti. Ad esempio per togliere l’erba infeltrita e il muschio occorre un ottimo scarificatore per incidere la cotica erbosa almeno un paio di volte a stagione. Meglio ancora se possedete un arieggiatore che vi consentirà di prevenire la formazione delle muffe. Inoltre si dovrà provvedere alla concimazione del prato perché questo per crescere al meglio deve non solo avere apporto di luce, aria ed acqua ma anche dei nutrimenti giusti che devono però essere anche bene assorbiti. Per questo si consiglia l’utilizzo di concimi ad azione rapida. Si provvederà a concimare l’erba con prodotti ricchi di azoto e si effettuerà questa operazione soprattutto durante la primavera e l’estate, mentre invece in autunno sarebbe opportuno concimare con sostanze che contengano potassio e fosforo. La concimazione potrà essere effettuata anche con l’utilizzo di un irroratore che vi consentirà di cospargere il prodotto uniformemente su tutto il prato. E per concludere parliamo di irrigazione, essenziale soprattutto nel periodo estivo e comunque ogni qualvolta che se ne avverte la necessità. In commercio vi sono impianti di irrigazioni manuali o automatici che vi consentono di irrigare qualsiasi parte del vostro giardino con il minimo sforzo e senza perdere tempo. Soprattutto questi ultimi sono dotati di centraline utili a gestire l’irrigazione del prato in qualsiasi momento fornendo sempre il giusto apporto di acqua, salvaguardando così anche uno tra i più preziosi patrimoni dell’ambiente: l’acqua.

prato

1 comment

Leave Comment
  1. Pingback: Come mantenere un prato sintetico | Guide online

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>