Come lavorare come light designer

L’evoluzione tecnologica ha portato allo diffusione di nuove attività professionali. Lo sviluppo nel campo delle luci di una strumentazione sempre più versatile ed efficiente , in particolare quello della tecnologia LED, ha aperto le porte ad infinite applicazioni nel settore.

 

 

 

 

Istruzioni

  1. Chi è il light designer? : Il light designer si occupa di progettare impianti di illuminazione e rappresenta una figura professionale che unisce conoscenze sia tecniche che artistiche. Il suo campo di lavoro è molto vasto, spazia dall’illuminazione domestica a quella pubblica. La progettazione può riguardare le luci di una singola stanza o quelle di un intero teatro e può avere finalità intrattenitive e sceniche o puramente pratiche ed estetiche. Il suo compito non è semplicemente quello di illuminare un ambiente, ma quello di valorizzarlo sfruttando la luce come vero e proprio elemento architettonico.

  2. Come si diventa light designer?: in Italia al momento non esistono corsi di studio legalmente riconosciuti per diventare light designer. Le possibilità si riassumono quindi in 1) corsi di formazione, che permettono a chiunque di ottenere una qualifica professionale ossia un attestato che certifica il raggiungimento di uno standard di competenze, abilità e conoscenze riconosciute in campo professionale per questo settore 2) master universitari proposti da diverse facoltà di architettura e riservato ai laureati in questa disciplina.

  3. Come funzionano i corsi di formazione?: per quanto riguarda i corsi di formazione on line troverete proposte formative molto variegate. Si va da corsi di nove lezioni con semplice attestato di frequenza a corsi di durata annuale. I corsi di durata maggiore sono per lo più impostati per professionisti che opereranno nel mondo dello spettacolo (illuminazione cinematografica, televisiva e teatrale). I corsi sono in genere rivolti a laureati e diplomati, ma anche a semplici conoscitori del settore.

  4. Quanto costano i corsi di formazione? anche i costi sono molto variabili. Il costo medio per i corsi brevi è di circa 400 euro, per quelli annuali di circa 1500 euro. Ma esistono anche programmi di formazione finanziati e riconosciuti dalla comunità europea. Questi sono totalmente gratuiti, ma l'iscrizione è limitata ad poche persone ed i posti vengono assegnati tramite una rigorosa selezione.

  5. Quali i possibili sbocchi professionali?: la possibilità di realizzazione professionale per un light designer qualificato sono diverse. E' possibile esercitare una libera professione artistica da svolgere in autonomia o in collaborazione con altri professionisti presso studi, imprese, aziende o organizzazioni che operino del settore dello spettacolo e dell'illuminazione o operare come lavoro subordinato presso istituzioni pubbliche o strutture private.

  6. Associazioni professionali di riferimento : in Italia c'è la AILD Associazione Italiana Light Designer (http://www.aild.it/index.php) che si occupa della valorizzazione professionale della figura del light designer su territorio nazionale e fornisce indicazioni e supporto formativo agli interessati.

phish_lights

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>