Come lavare il cane Consigli per lavare il cane

Normalmente i cani amano fare il bagno ma se l’iniziativa parte da loro, del resto sono diverse le specie tra cui il comunissimo Pastore tedesco e il Labrador che amano immergersi nell’acqua per giocare o lavorare, tuttavia le cose cambiano quando siamo noi che dobbiamo lavare il cane, questa operazione la possiamo fare direttamente o portando il cane in un centro di toelettatura.

La frequenza del lavaggio

Questo è dovuto principalmente al fatto che il cane interpreta come un castigo questa operazione, tuttavia per certe razze diventa una necessità specialmente quando abbiamo cani come quelli da caccia che tendono a sporcarsi, quindi la frequenza è sempre in relazione alla vita che conducono i singoli cani e alla sensibilità del padrone.

Per alcuni cani diventa inutile fare il bagno, prendiamo ad esempio un cane maremmano adibito ad essere guardiano di un gregge, per lo stile di vita che conduce e per la sua indole, fargli il bagno può diventare inutile oltrechè dannoso, viste le caratteristiche del pelo che tende ad essere grasso per proteggere l’animale dalla pioggia e dal freddo.
Diversa è la situazione di un cane che portiamo in giro per la città e poi deve rientrare in un appartamento, in questo caso è necessario procedere a lavaggi regolari.

Comw lavare il cane

*Lavare il cane nella vasca da bagno mettendo un tappetino antiscivolo per evitare che il cane possa slittare e farsi male.

*Prima di effettuare il lavaggio, è opportuno eliminare l’eccesso di peli ed eliminare quelli annodati

*Fare un controllo tra i peli, per vedere se sono annidati dei parassiti

*Evitare di lavare cani che hanno un’età inferiore ai 4 mesi

*Evitare di lavare cani che sono affetti da tigna in quanto questo parassita si diffonde maggiormente con l’acqua.

*Lavare prima il corpo e alla fine la testa, non impedire al cane di scrollarsi l’acqua in eccesso

*Non fare andare acqua all’interno delle orecchie, ma prendere un batuffolino di cotone e pulirle delicatamente senza premere

*Dopo che il cane si è scrollato l’acqua in eccesso, con un asciugamano tamponare il pelo e poi sfregare con forza ma senza premere troppo.

*Nel caso di cani con pelo lungo si può usare un asciugacapelli avendo cura di accertarsi che il rumore non innervosisca l’animale, in questo caso sospendere l’operazione e proseguire l’asciugatura frizionando con un altro asciugamano di spugna..

*Evitare nella maniera più assoluta che il cane sia esposto a correnti d’aria, potrebbe contrarre malattie da raffreddamento

*Non utilzzare per il lavaggio dei prodotti per capelli destinati all’uomo ma usare un prodotto specifico per i cani, eliminare completamente il film protettivo naturale può creare l’insorgenza di alcune patologie della pelle.

*Alla fine del bagno utilizzare dell’olio specifico per cani che serve per dare lucentezza al pelo ed è idrorepellente.

Il lavaggio può essere effettuato anche in un centro di toelettatura eliminando tutte le incombenze che sono legate all’operazione, il costo di un lavaggio professionale è intorno ai 10 euro per i cani di piccola taglia, mentre per i cani di grandi dimensioni e a pelo lungo può arrivare anche ai 20 euro.

 

quante volte lavare il cane

1 comment

Leave Comment
  1. luigino

    Avrei bisogno di un consiglio: sono proprietario di 2 Shcnauzer medi sale e pepe che vivono in cortile al nord italia (Vercelli) – è consigliabile lavarli a Dicembre o si rischia? In attesa di risposta saluto cordialmente.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>