La tinteggiatura del bagno

Le regole per la tinteggiatura di murature interne devono rispettare alcuni parametri e per ottenere degli ottimi riusltati in un ambiente che per la sua naturale destinazione è soggetto ad umidità di vapore, bisogna avere alcune accortezze che dipendono oltre che dalla scelta dei materiali adatti anche dai risultati della tinteggiatura, questi a loro volta sono determinati da due fattori: l’adeguata preparazione del supporto e la corretta applicazione del prodotto.

Scelta dei prodotti per la tinteggiatura

Scartare le tempere che vanno bene per essere impiegate solo in locali di secondaria importanza. Non sono assolutamente lavabili, hanno scarso potere coprente, si sfarinano in presenza di umidità o di alte percentuali di vapore acqueo, ingialliscono facilmente e non sono sovraverniciabili.
Escludere anche tinte semilavabili, si tratta di pitture di bassa qualità e vendute a basso costo delle quali è meglio diffidare.
Scegliere invece idropitture lavabili che hanno sostituito completamente le pitture tradizionali grazie alle loro caratteristiche decisamente superiori.
La resa è ottima (1 kg per 8-10 metri quadrati), sono di facile applicazione nella maggior parte delle superfici anche in verticale ed hanno un essiccamento rapido.Utilizzano come legante delle resine gommose in dispersione acquosa e impiegano dei pigmenti a base di biossido di titanio.
La pellicola risulta essere continua, resistente, elastica, non sfarinante, l’ideale per un ambiente come il bagno, consente dei lavaggi con i normali detersivi domestici compresi gli sgrassatori; la qualità della lavabilità è indice di qualità, più una pellicola è lavabile maggiore è la qualità, quindi oltre a questo requisito esssenziale la idropittura deve avere un potere coprente e riempitivo.

Eseguiamo il lavoro: preparazione del fondo

*Ricopriamo le piastrelle delle pareti e dei pavimenti con della carta da giornale, fissiamo quella che va sulle pareti con della carta gommata .

*Prepariamo il fondo della parete a seconda della situazione della muratura

In caso di presenza di muffe, prima di procedere alla tinteggiatura vaporizziamo dei prodotti antimuffa che hanno potere sanificante, usare per questa operazione una mascherina per proteggersi dai vapori di solvente, se necessario procedere al raschiamento del muro per un’asportazione più radicale, il prodotto più economico è l’acqua e candeggina.
Nel caso dovessimo scegliere questa soluzione versare la miscela in un contenitore con erogatore a stantuffo tipo quello che contiene lo sgrassatore.

-Per muri nuovi è opportuno eseguire un trattamento del muro utilizzando dei liquidi impregnanti per rallentare l’assorbimento superficiale.

*Tinteggiare

Eventuale seconda mano

Non effettuare un secondo passaggio se il muro non è perfettamente asciutto, il tempo di asciugatura dipende da tanti fattori quali la disposizione del locale ( con finestre o senza), condizioni climatiche, ventilazione, temperatura .

La tinta può essere applicata con un rullo, preferire quello a vello naturale (montone, merinos) a pelo lungo oppure utilizzare il pennello, dotarsi di un plafoncino, di una pennellessa e di un astuccino, nel caso in cui si debba tinteggiare una parete posta dietro a un radiatore, è necessario avere un pennello per radiatori.

Prezzo della tinta: Il costo dipende dalla qualità e dalla quantità, scegliere preferibilmente punti vendita di bricolage, offrono i prezzi migliori.

 

APPROFONDISCI LA GUIDA: Come tinteggiare con la pistola a spruzzo
APPROFONDISCI LA GUIDA: Come illuminare il vostro bagno
APPROFONDISCI LA GUIDA: La tinteggiatura del bagno

la-tinteggiatura-del-bagno

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>