Come intervenire in caso di distorsione alla caviglia

Le distorsioni alle caviglie non vanno sottovalutate. Possono sembrare poca cosa, con un dolore temporaneo e sopportabile, ma se non viene adeguatamente trattata può portare a conseguenze nel lungo termine con ricadute frequenti anche per piccoli traumi che, in condizioni normali, non provocherebbero conseguenza alcuna. Si tratta di un infortunio in cui potrebbe incorrere chiunque, da chi pratica sport a chi semplicemente inciampa su un marciapiede o su una scala. Per questo è necessario sapere in modo diffuso cosa fare nel caso in cui si incorra in un infortunio del genere. Appena si incorre in una distorsione bisogna evitare movimenti immobilizzando la parte. Nei casi di trauma maggiore si può avere gonfiore, versamento di liquido e tumefazioni che richiedono l’applicazione di ghiaccio che oltre a far avvertire meno il dolore, provoca la restrizione dei vasi. Se si ha la possibilità di fasciare la caviglia sarebbe ottima cosa in modo tale da immobilizzare al meglio la parte. Nel caso in cui il dolore fosse molto intenso e non si riuscisse a tenere il piede appoggiato a terra è il caso di rivolgersi al più presto ad un medico affinché si possa avere una giusta diagnosi dei danni provocati.
Io suggerisco di chiedere consiglio ad un medico in ogni caso perchèil fai da te, quando si hanno dei problemi di questo tipo, potrebbe essere dannoso. Mio marito, da giovane, ha sottovalutato una distorsione in cui si è imbattuto giocando a pallone. Con una caviglia piuttosto gonfia e dolorante ha solamente applicato del ghiaccio rispettando solo temporaneamente un periodo di riposo che secondo me non è stato sufficiente per avere una guarigione completa. Ebbene, a distanza di anni, gli basta mettere il piede su una superficie un po’ più irregolare di altre, sopra un sasso o simili per avvertire dolore in quello stesso punto in modo più o meno intenso a seconda del tipo di trauma che ogni volta si procura. Dice di avere una caviglia difettosa e fa riferimento proprio a quel problema sottovalutato parecchi anni prima. A volte gli si ripresentano dei gonfiori ancora adesso ed il riposo, il ghiaccio e la fasciatura (che sono i primi interventi da effettuare in questi casi) non risolvono del tutto il problema visto che la sua fragilità, dovuta al problema di un tempo, resta.
La diagnosi e la cura fai da te – ne ho le prove in casa – può portare più a danni che a vantaggi. Meglio perdere tempo in un pronto soccorso (perché se ne perde parecchio) e sentirsi dire che non si ha nessun problema piuttosto che sottovalutare la situazione e restare con il dubbio sul problema che si può avere alla caviglia dolorante e, magari, dopo aver superato temporaneamente dolore e gonfiore, tornare ad avere problemi più avanti con una caviglia che resta delicata e, come dice mio marito, “difettosa”.

blood cell types

1 comment

Leave Comment
  1. Pingback: Come si cura una frattura del malleolo | Guide online

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>