Il sovrappeso: come aiutare i nostri bambini a perdere peso

La percentuale dei bambini in sovrappeso nel nostro paese è veramente alta.
Secondo dati statistici,confronto ad altri paesi, circa il 21% dei bimbi italiani è in sovrappeso ho affetto da obesità.
Spesso ci si preoccupa quando il proprio figlio mangia poco, ma non ci facciamo caso o non ce ne curiamo se è il contrario.

Ma qual’è il problema? Come si può evitare?

Un accumlo eccessivo di calorie durante l’infanzia può provocare uno stato di sovrappeso che può portare poi all’obesità.
Bhè sicuramente è una questione di stile di vita e noi genitori in questo nè abbiamo un ruolo determinante.

La sedentarietà, poco movimento e l’alimentazione sono i fattori principali che determinano il sovrappeso nei bimbi.
E’ proprio l’alimentazione, il fattore da considerare per primo.
Per evitare il problema del sovrappeso si inizia proprio dal corretto regime alimentare da adottare coi nostri figli.
Il principio di base è: ” mangiare tutto, ma senza esagerare”!
Anche i pediatri consigliano di mangiare 3 pasti al giorno e una merenda a metà pomeriggio, che sia limitata nelle quantità.
Per cominciare una colazione, ricca di cereali, latte e se si desidera un frutto.
A pranzo, pasta, verdure se si vuole, un pò di pane, e frutta.
A cena un secondo di pesce o carne con verdura, pane e un frutto.

La frutta è importante che se ne consumi almeno 4-5 al giorno, anche come fuori pasto, chedi regola sarebbero da evitare.

E’ fondamentale che insegnamo ai nostri bambini di saper ascoltare il loro corpo, quindi mangiare solo quando si ha fame .
Uno dei nostri compiti è quello non far intendere il regime alimentare inteso come dieta da seguire , ma semplicemente una dieta intesa come benessere del proprio corpo.

Una corretta alimentazione, associata a un pò di esercizio fisico non può che aiutare, e quindi, consentire di risolvere i problemi della sedentarietà.
Fino all’età di sei anni i bimbi dovrebbero dedicarsi ad attività fisiche, soprattutto quelle giornaliere, come correre, saltare, arrampicarsi e dai sei anni in poi si potrebbe coiminciare con uno sport.

Anche stare tante ore davanti alla tv è sinonimo di sedentarierietà, e non aiuta affatto i nostri figli.
Quindi è bene regolarizzare anche questo: 2 ore circa di tv al giorno andranno più che bene, sostituendo il resto delle ore con movimento e attività fisica, anche solo facendo lunghe passeggiate in compagnia o in famiglia.

Ricordiamoci che noi dobbiamo essere da esempio per i nostri bambini e se ci renderemo anche noi partecipi ai loro cambiamenti, sia alimentari che quelli riguardanti l’attività fisica, certamente li aiuteremo . Soprattutto se decidiamo di fare insieme a loro uno sport, li renderà entusiasti e vedranno in noi stessi un modello da seguire.

E’ importante prendere questi cambiamenti come abitudini giornaliere, e non farle sembrare negative agli occhi dei nostri piccoli,in modo che non sentano alcun peso e o si sentano in qualche modo, forzati.

Per loro tutto deve risultare un piacere e un divertimento, anche se si troveranno a rinunciare a qualche dolcino, ma sicuramente col nostro aiuto renderemo tutto più semplice.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>